Showcase: Giannis Papanikos

Giannis Papanikos is a freelance photojournalist. He was born and raised in Thessaloniki- Greece. In 2011 he started attending photography lessons at the “Stereosis” School of Photography in Thessaloniki.At the same time, he started  his photojournalism career doing assignments for an environmental free press magazine and photographing art festivals and theatrical performances. In 2012 he started working on his first project called “Trisomy 21” photographing people with Down Syndrome with the cooperation of the Hellenic Down Syndrome Association.He has also worked in many travel photography projects and he has taken part in group exhibitions organized by “Stereosis” School of Photography.His work has been published in Greek and foreign media.

Interviewed by Chiara Costantino

 [traduzione in italiano in basso]

Giannis_Papanikos_Immigrants_13

Hi Giannis! How did you come to photography? You studied at the “Stereosis” School of Photography (Thessaloniki). How did this experience help you?

The reason I decided to get involved with photography it is my love for traveling. In 2011 I bought my first camera. The same year I started attending lessons at “Stereosis” School of Photography in Thessaloniki. The lessons made me see the subject of photography as something more than a perfect frame, and of course they helped me develop my personal photographic style.

India Varanasi_7

Nowadays Internet helps very much young talented photographers to show their works worldwide. On the other hand they have to stand out among a lot of pictures everyone of us puts on the web. What do you think about photography as an art today?

Yes it’s true that the web offers enormous opportunities to show your work. That’s the reason why the photography industry has become hyper saturated. To make stunning pictures is simply not enough anymore. Nowadays the majority of photographers are able to make stunning pictures. The websites are full of those images. The most important thing is the subject you choose, how you decide to photograph it and what you have to say with your images. The consistency is the main factor for a project to be successful. Beyond that, you must be open to experiment with different styles of photographing. For example the ways to shoot a simple table are infinite. You have to find a specific recipe that will become your signature. A year ago I got involved with photojournalism. I identify myself as a freelance photojournalist. It is known that the news agencies pay the photographers a long time after their images have been published. That’s how the industry works. However you have to be in the financial condition to invest in self financed projects.

India Jodhpur_6

Are there artists who influenced you?

How could I not be influenced by other photographers. There is no progress in your style of photography if you don’t have a look at what others do. The first photographer that inspired me is Steve McCurry. Some other photographers that have influenced the way I shoot are Alex Webb and Harry Gruyaert.

India Jodhpur_1

Fluster Magazine published an article about your project “Land of Light”. You were in Morocco and showed “The first face of the Morocco which is trying to modernize itself , according to the Western standards , but also the opposite face of Morocco which refuses to abandon its strong Islamic traditions and lifestyle.” How do you think situation is developing there?

Morocco was always a pole of stability in Northern Africa. It’s the only country in the area not affected by the “Arabian Spring”. Morocco has a European perfume, and you can understand this from the first time you go there. In the big cities of Morocco you can find the greatest cultural contrast. The modern tries to replace the tradition. Undoubtedly I think that Morocco does the greatest modernization effort in the region. However you must not forget that you are in a muslim country where the roots of religion lie deep inside the firmament of society.

Giannis_Papanikos_Immigrants_02

Giannis_Papanikos_Photojournalism_54

You are working on a project about immigrants. Tell us more.

Yes I am working on such a project. Three months earlier I start visiting a block of apartments which hosts about fourteen families of refugees mainly from Syria and Afghanistan. People living in this guesthouse left their home country with a view to built a better life in Greece. I don’t think that the refugees coming to Greece have a realistic picture of the financial status of the country. The result was to encounter a broken by the financial crisis state, which is unable to offer them the necessary conditions to survive. They are unemployed and in very short time they will be forced to abandon the building due to a lack of funding. Now, totally disappointed their plan is to find a small amount of money and the necessary papers in order to abandon Greece for another EU country.

Down Syndrome_40

Your “Trisomy 21” project deals with Down Syndrome. Like other human conditions, people do not always come far in accepting people with it. Tell us about your experience.

Yes it was early in 2012 when I visited for the first time the facilities of the Hellenic Down Syndrome association in Thessaloniki. It was my first project. I think that is an element of human nature to look what is different with suspicion, pity or even hostility. Before getting involved with this I had the wrong impression that down syndrome is a very serious illness, and the individuals who have this illness suffer until the end of their life. Down syndrome is not even considered an illness. I realized that the people I was photographing live in a micro community having their own codes of communication, a world in which the only different element is me. The conclusion I took is that the individuals with down syndrome can do much more things than I thought they could. So I focused on photographing the activities in which they were participating. I am no longer surprised when I hear news, that individuals with down syndrome study in universities or becoming actors or successful businessmen or whatever. I tried my images to be as more objective and less dramatic they could.

Down Syndrome_18

Giannis_Papanikos_Photojournalism_39

Analogue or digital photography? Why?

I shoot in digital. When I first got involved with photography, in 2011, digital had already dominated the art of photography. The first two semesters I studied at “Stereosis” School of Photography were about analogue photography. At the beginning, analogue photography fascinated me a lot, because when you shoot in film you don’t really know what you will obtain exactly. This made me to be more careful in framing. When you have only 36 frames, each one is precious. After these two semesters, for practical reasons, I went back to digital. Digital photography offers you speed and reliability and as digital technology develops, it also offers you extraordinary image quality and the ability to shoot in very low light situations.

Town of Ouarzazate. Street scene Ouarzazate Province, Morocco

If you could go anywhere in the world for your next job, where would you like to go?

There are many places on the earth I would like to go. It depends from the project I will choose to work. There are three countries I am thinking a lot the last month. These are Indonesia, Philippines and Mexico.

Down Syndrome_19

What is the last book you read?

It was the “Words” I think, written by Jean Paul Sartre.

Giannis_Papanikos_Immigrants_19

A question you would never answer to, is…

Yes perhaps a question that I honestly don’t know the answer.

Giannis_Papanikos_Immigrants_08

( Images © Giannis Papanikos)

More on Giannis Papanikos’ work here

See also the Giannis` reportage “Land of Light” here

**Italiano**

 
di Chiara Costantino
 

Giannis Papanikos è un fotogiornalista freelance. E’ nato e cresciuto a Tessalonica (Grecia). Nel 2011 ha iniziato a frequentare lezioni di fotografia presso la scuola di fotografia “Stereosis” a Tessalonica. Al contempo, ha intrapreso la carriera nel fotogiornalismo, ricevendo incarichi da una rivista ambientalista di stampa libera e lavorando come fotografo per festival d’arte e spettacoli teatrali. Nel 2012 ha iniziato a lavorare al suo primo progetto, “Trisomy 21”, riprendendo persone con la Sindrome di Down, in collaborazione con l’Associazione Greca Sindrome di Down. Ha lavorato anche per diversi progetti di fotografia di viaggio e ha preso parte a esposizioni collettive, organizzate dalla scuola di fotografia “Stereosis”. Il suo lavoro è stato pubblicato in Grecia e su media stranieri.

Ciao Giannis! Come sei arrivato alla fotografia? Hai studiato alla scuola di fotografia “Stereosis” (Tessalonica). In che modo ti ha aiutato quest’esperienza?

La ragione per cui ho deciso di impegnarmi con la fotografia è stata il mio amore per il viaggio. Nel 2011 ho comprato la mia prima fotocamera. Lo stesso anno ho iniziato a frequentare le lezioni alla scuola di fotografia “Stereosis” a Tessalonica. Le lezioni mi hanno fatto vedere il soggetto in fotografia come qualcosa di più di un’inquadratura perfetta, e di certo mi hanno aiutato a sviluppare uno stile fotografico solo mio.

Al giorno d’oggi Internet aiuta molto i giovani fotografi di talento a esibire il loro lavoro a tutto il mondo. D’altro canto, però, devono fare i conti con la mole di immagini che tutti noi carichiamo sul web. Cosa pensi della fotografia come arte oggigiorno?

Sì, è vero che il web offre enormi opportunità per mostrare il tuo lavoro. Questo è il motivo per cui l’industria della fotografia è giunta al punto di saturazione. Fare foto mozzafiato ormai semplicemente non basta più. I siti web sono pieni di quelle immagini. La cosa più importante è il soggetto che scegli, come decidi di immortalarlo e cos’hai da dire con quelle immagini. La coerenza è il fattore principale affinché un progetto abbia successo. Al di là di quello, devi essere aperto a sperimentare diversi stili fotografici. Per esempio, i modi di fotografare un semplice tavolo sono infiniti. Devi trovare una ricetta specifica, che diventerà la tua cifra stilistica. Un anno fa, ho iniziato a occuparmi di fotogiornalismo. Mi definisco un fotogiornalista freelance. E’ risaputo che le agenzie di stampa pagano i fotografi un sacco di tempo dopo che le loro immagini sono state pubblicate. Questo è il modo in cui l’industria opera. Comunque, bisogna essere nelle condizioni economiche di investire in progetti autofinanziati.

Ci sono artisti che ti hanno influenzato?

Come potrei non essere influenzato da altri fotografi. Non c’è alcun progresso nel tuo stile fotografico se non dai un’occhiata a ciò che fanno gli altri. Il primo fotografo che mi ha ispirato è Steve McCurry. Alcuni altri fotografi che hanno influenzato il modo in cui scatto sono Alex Webb e Harry Gruyaert.

Fluster Magazine ha pubblicato un articolo sul tuo progetto “Land of Light”. Sei stato in Marocco e hai mostrato “La prima faccia del Marocco che sta tentando di modernizzarsi, secondo i parametri occidentali, ma anche il rovescio della medaglia, il Marocco che rifiuta di abbandonare le forti tradizioni e lo stile di vita islamico”. Come pensi che stia evolvendo la situazione laggiù?

Il Marocco è stato sempre un polo di stabilità nel Nord Africa. E’ il solo paese della zona a non aver vissuto la “Primavera araba”. Il Marocco ha un profumo europeo, e puoi capirlo dalla prima volta che ci vai. Nelle grandi città marocchine si possono trovare i più grandi contrasti culturali. Il moderno prova a rimpiazzare la tradizione. Senza dubbio credo che il Marocco faccia il più grande sforzo di modernizzazione nella regione. Comunque non bisogna dimenticare che si è in un paese musulmano, in cui le radici religiose affondano profondamente nel tessuto sociale.

Stai lavorando a un progetto sui migranti. Raccontaci di più.

Sì, sto lavorando su un progetto di questo tipo. Tre mesi fa ho iniziato a visitare un blocco di appartamenti che ospita quattordici famiglie di rifugiati, provenienti per lo più dalla Siria e dall’Afganistan. Le persone che vivono in questa casa-famiglia hanno lasciato il loro paese natio con l’obiettivo di ricostruirsi una vita migliore in Grecia. Non penso che i rifugiati che vengono in Grecia abbiano una visione realistica della condizione finanziaria del paese. Il risultato è stato che si sono ritrovati in un paese piegato dalla crisi finanziaria, che non è in grado di offrir loro le condizioni basilari per sopravvivere. Sono disoccupati e in breve tempo saranno costretti a lasciare l’edificio, a causa della mancanza di fondi. Ora, totalmente delusi il loro piano è di recuperare una piccola somma di denaro e i documenti necessari e lasciare la Grecia per un altro paese dell’Unione Europea.

Il tuo progetto “Trisomy 21” tratta delle persone con Sindrome di Down. Come per altre condizioni umane, le persone non sempre arrivano al punto di accettare coloro che hanno questa sindrome. Parlaci della tua esperienza.

Sì, è stato all’inizio del 2012 che ho visitato per la prima volta le strutture dell’Associazione Greca Sindrome di Down a Tessalonica. E’ stato il mio primo progetto. Credo che sia un elemento della natura umana guardare ciò che è diverso con diffidenza, commiserazione o persino ostilità. Prima di essere coinvolto in questo progetto, avevo l’impressione errata che la Sindrome di Down fosse una malattia molto grave, e che le persone che ne erano affette soffrissero fino alla fine dei loro giorni. La Sindrome di Down non è neppure da considerare una malattia. Ho capito che le persone che stavo fotografando vivevano in una piccola comunità, con i propri codici comunicativi, un modo in cui l’unico elemento estraneo ero io. La conclusione cui sono arrivato è stata che le persone con la Sindrome di Down possono fare molte più cose di quelle che ritenevo possibili. Così, mi sono focalizzato sul riprendere le attività in cui erano impegnati. Non mi sorprendo più, quando ascolto le notizie, che le persone con la Sindrome di Down studino all’università o diventino attori o uomini d’affari di successo o qualsiasi altra cosa. Ho cercato di fare in modo che le mie immagini fossero quanto più obiettive e quanto meno melodrammatiche possibile.

Fotografia analogica o digitale? Perché?

Scatto in digitale. Quando per la prima volta ho iniziato a fare fotografia, nel 2011, il digitale dominava già l’arte fotografica. I primi due semestri che ho trascorso preso la scuola di fotografia “Stereosis” si trattava della fotografia analogica. Da principio, la fotografia analogica mi affascinava un sacco, perché quando scatti su pellicola non sai esattamente cosa otterrai. Questo mi ha reso molto più attento a come inquadro. Quando hai solo 36 fotogrammi, ognuno di essi è prezioso. Dopo questi due semestri, per motivi pratici, sono tornato al digitale. La fotografia digitale ti offre velocità e affidabilità, come tecnologia digitale si innova, offre inoltre un’eccezionale resa qualitativa dell’immagine e la possibilità di scattare in situazioni in cui la luce è molto tenue.

Se potessi andare dovunque desideri nel mondo per il tuo prossimo lavoro, dove ti piacerebbe andare?

Ci sono molti posti sulla Terra in cui vorrei andare. Dipende dal progetto che sceglierò di realizzare. Ci sono tre paesi a cui sto pensando un sacco nell’ultimo mese. Sono l’Indonesia, le Filippine e il Messico.

Qual è stato l’ultimo libro che hai letto?

E’ stato “Le Parole” credo, scritto da Jean Paul Sartre.

Una domanda alla quale non risponderesti mai, è…

Sì, forse una domanda a cui onestamente non saprei come rispondere.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: