Showcase: Sebastian Wesman

Sebastian Wesman is a composer and filmmaker born in Argentina, currently living in Estonia, where he produces his work. His work includes albums like “Invento” (2006), “Astronomic Panoram” (2010), “Otros Parámetros” (2013) and film projects “A Blue Bird” (2012), “Visual Poems” (2013) and  a short film, “New World” (2014). This year sees the birth of a feature film. In 2012 he founded Otros Parámetros Films under which he produces his cinematographic works. As a composer and performer he has presented his solo violin concerts in Europe, South-America and Asia. He also composes music for choirs and string quartets. His works as a filmmaker and composer have been presented on the four continents.

Interviewed by Chiara Costantino

  [traduzione in italiano in basso]

Hi! Who is Sebastian Wesman and his team? Introduce yourselves!

Our team varies from project to project. We collaborate with different technicians and artists from Estonia, Argentina, Germany, Finland, Croatia, Spain, Italy, Hungary etc. Throughout the years, the people who have always figured in our team are: Anneli Kõressaar (excecutive producer, Estonia), Kalev Quartet (string quartet from Estonia), Spirit Voices (choir, Estonia), Grete Schneider (sound engineer, Germany), Martin Eero (technical assistant, Estonia), Stella Maris Santiago (art and design, Argentina), Sebastian Wesman (director, Argentina/Estonia).  During the latest projects, we have had the participation of the poet Ellom (Elo-Mall Toomet) in short films „My friend“ (2013) and „New World“ (2014); Mart Aas, Siiri Sillat and others in the feature film that will soon be presented.  We generally work from Estonia, but for example our sound engineer processes the sound in Germany.

1. Sebastian Wesman 2014

You are a composer, a performer and a filmmaker. How did you come to these forms of  art?

I have passed through different artistic expressions: painting, theatre, music, photography. But I was always accompanied by musical composition. All of this has taken me to the art of cinema in a very natural way. Cinema represents for me the sum of all arts. This type of expression allows me to incorporate the notions I have learnt from other forms of art.

4. Ellom in New World - Sebastian Wesman 2014

Are there artists who influenced you?

I feel close to many artists, both contemporary and not, without feeling a complete identification with any of them. I have also been inspired by old Japanese poetry and Impressionism, but anonymous art is what impresses me the most. From cave paintings to the art on the walls of a modern city – everything that is fundamental might end up being anonymous. In cinema I like directors who work without being part of any dogma, the ones who during their search of identity take on the risk of not being understood. I also feel influenced by my mother, who is a tailor – I find a similarity between her way of making clothes and the way I make music and films.

Your work is divided into two main parts: music projects, such as “Invento” and “Astronomic Panoram”, and film projects, for example “Visual Poems” and “New World”. Tell us more about them.

Maybe every project represents a perspective of the same object of study. The form may vary, but maybe the message remains the same. Each of the works mentioned in your question represent a time in my life, a search, a way of thinking, the world I live in. I try to go towards simplicity.

On your site you define your film project “A Blue Bird” as “A visual journey to a new sound”. What does it mean? Can this definition be used for your art?

“A visual journey to a new sound” was a definition used by a critic that we found interesting at the time of presenting “A Blue Bird”. I felt that it was a concept that defined a part of the work. On the other hand I find it difficult to define what we do. Maybe it is best defined by someone standing outside.

6. Siiri Sillat acting in Wesman's filim 2014

Can you explain us your creative process?

The creative process sometimes starts from a small impression, an image. Then I work on the concept and define how it will be expressed: in film, music or something else. We are constantly processing information and this transmits to all our actions. In my case, the creative process can also start while I sleep. This is what happened with our next feature film – I dreamt it from beginning to end and then I just wrote it down, looked for the locations (which are actually the ones I saw in my dream) and everything went very naturally.

7. Mart Aas acting in Wesman's film 2014

I read on your site about “etymophonic language”. What is it?

In 2006 I recorded the album “Invento” under the pseudonym Isabelasnacho. Some of the songs on the album are represented in a language that I developed for the project. During that time I was very interested in language, in that many times the signification of a word is not associated with the phonetic aspects. As if the sound of each word would carry in it another meaning than the one given to it. I had the idea to discover my signification in each word, but the project was left behind before reaching that goal and the only registered material of this now is the album “Invento”. The album was re-released three times in Spain by the label Luscinia Discos.

Leila Golberg, a film critic, underlines about your last film “New World”: “the visual domain and metaphoric language of the camera”. You realized it with the cooperation of the Estonian poet Ellom (Elo-Mall Toomet). Fluster Magazine published an article about another project of yours, “Visual Poems”. You call them “haiku as an image”. How is important poetry for you and how do you apply it to music and film?

I think poetry is one of the most sincere and selfless forms of expression. In a way I feel that all my work tries to go towards poetry. It is like the center, the power of a metaphor can awaken change in a person and widen their emotional capacity. All art is based on construction of metaphor, including the humor.

3. Ellom in New World - Sebastian Wesman 2014

Please tell us more about your “New World” film (2014).

“New World” (2014) is a short film accompanied by the presence, poetry and voice of Ellom (Elo-Mall Toomet), an Estonian poet currently residing in the city of Tartu. “New World” was filmed with the first snow of the winter and is a part of a trilogy that will be finalized this year. For this short film the music I composed was to be performed together with violins, wind instruments and a voice quartet. I wanted to represent the introspective and reflective atmosphere that I experience every winter in Estonia – a place that the snow transforms into a white canvas where you can paint your ideas, dreams and fears.

2. Sebastian Wesman 2014

What are your goals for the future, as a person and as an artist?

This year we will present a feature film with the participation of the Estonian actor and playwright Mart Aas, actress Siiri Sillat, to name a few. It was filmed during all of the four seasons, in different places in Estonia. The soundtrack of the film was composed for a string quartet, vocals and wind instruments. The general goal is to continue making what inspires us and to continue sharing our work. As a person, this allows me to not lose the amazement and to understand people better so I can thereafter better know myself.

(Images and videos © Sebastian Wesman)

More about Sebastian Wesman’s work here

***Traduzione Italiana***

di Chiara Costantino
 

Sebastian Wesman è un filmmaker nato in Argentina, al momento vive in Estonia, dove produce il suo lavoro. I suoi lavori comprendono per esempio album come “Invento” (2006), “Astronomic Panoram” (2010), “Otros Parámetros” (2013) and progetti di film come “A Blue Bird” (2012), “Visual Poems” (2013) e il cortometraggio “New World” (2014). Quest’anno ha visto la nascita di un lungometraggio. Nel 2012 ha fondato la Otro Parámetros Films, sotto la quale produce i suoi lavori cinematografici. Come compositore e esecutore ha presentato i suoi concerti per violino solista in Europa, Sud America e Asia. Compone anche musica per cori e quartetti d’archi. I suoi lavori come filmmaker e compositori sono stati presentati nei quattro continenti.

Chi è Sebastian Wesman e la sua squadra? Presentatevi!

La nostra squadra varia da progetto a progetto. Collaboriamo con diversi tecnici e artisti dall’Estonia, Argentina, Germania, Finlandia, Croazia, Spagna, Italia, Ungheria etc. Nel corso degli anni, le persone che hanno sempre fatto parte del nostro team sono: Anneli Kõressaar (produttore esecutivo, Estonia), Kalev Quartet (quartetto d’archi, Estonia), Spirit Voices (coro, Estonia), Grete Schneider (tecnico del suono, Germany), Martin Eero (assistente tecnico, Estonia), Stella Maris Santiago (arte e design, Argentina), Sebastian Wesman (regista, Argentina/Estonia). Durante gli ultimi progetti, abbiamo avuto la partecipazione del poeta Ellom (Elo-Mall Toomet) nei cortometraggi „My friend“ (2013) e „New World“ (2014): Mart Aas, Siiri Sillat e altri nel lungometraggio che sarà presto presentato. In genere lavoriamo in Estonia, ma per esempio il nostro tecnico del suono si occupa del suono dalla Germania.

Sei un compositore, un esecutore e un filmmaker. Come sei arrivato a queste forme d’arte?

Sono passato attraverso diverse forme artistiche: pittura, teatro, musica, fotografia. Ma ero sempre accompagnato dalla composizione musicale. Tutto ciò mi ha condotto all’arte del cinema in maniera molto naturale. Il cinema rappresenta per me la summa di tutte le arti. Questo tipo di espressione mi consente di incorporare tutte le nozioni che ho appreso dalle altre forme d’arte.

Ci sono artisti che ti hanno influenzato?

Mi sento vicino a molti artisti, sia contemporanei che non, senza provare una completa identificazione con nessuno di loro. Sono stato ispirato inoltre dall’antica poesia giapponese e dall’Impressionismo, ma l’arte anonima è ciò che mi colpisce di più. Dalle pitture rupestri all’arte su i muri di una città moderna – ogni cosa basilare può finire per diventare anonima. Nel cinema mi piacciono i registi che lavorano senza far parte di alcun dogma, quelli che durante la ricerca della propria identità si assumono il rischio di non essere compresi. Inoltre, mi sento influenzato da mia madre, che è una sarta – rinvengo una similitudine tra il suo modo di creare abiti e il modo in cui io creo musica e film.

Il tuo lavoro si divide in due parti principali: progetti musicali, come “Invento” e “Astronomic Panoram”, e progetti di film, per esempio “Visual Poems” e “New World”. Raccontaci qualcosa di più a riguardo.

Forse ogni progetto rappresenta una prospettiva dello stesso oggetto di studio. La forma può variare, ma forse il messaggio resta lo stesso. Ognuno dei lavori citati nella tua domanda rappresenta un tempo della mia vita, un modo di pensare, il mondo in cui vivo. Provo ad andare incontro alla semplicità.

Sul tuo sito definisci il tuo progetto di film “A Blue Bird” come “un viaggio visivo verso una nuova sonorità”. Cosa vuol dire? Questa definizione si può applicare alla tua arte?

“Un viaggio visivo verso una nuova sonorità” è stata la definizione usata da un critico, l’abbiamo trovata interessante al tempo della presentazione di “A Blue Bird”. Sentivo che era un’idea che definiva una parte del lavoro. D’altra parte, trovo difficile definire ciò che facciamo. Forse è meglio che sia definito da qualcuno che non ne è coinvolto.

Puoi spiegare il tuo processo creativo?

Il processo creativo a volte inizia da una piccola impressione, un’immagine. Dopo, lavoro sull’idea e definisco come sarà espresso: sotto forma di film, musica o qualcos’altro. Elaboriamo di continuo informazione e questo si trasmette a tutte le nostre azioni. Nel mio caso, il processo creativo può iniziare anche mentre dormo. Questo è ciò che è accaduto con il nostro prossimo lungometraggio – l’ho sognato dall’inizio alla fine e poi l’ho buttato giù, ho cercato le location (che in verità sono quelle che ho visto nel mio sogno) e ogni cosa è venuta in modo naturale.

Ho letto sul tuo sito di “linguaggio etimofonico”. Di cosa si tratta?

Nel 2006 ho registrato l’album “Invento” sotto lo pseudonimo di Isabelasnacho. Alcune delle canzoni dell’album sono rappresentate in un linguaggio che ho sviluppato per il progetto. Durante quel periodo, ero molto interessato al linguaggio, poiché molte volte il significato di una parola non è associato con gli aspetti fonetici. Come se il suono di ogni parola portasse in essa un altro significato rispetto a quello assegnatole. Avevo l’idea di scoprire il mio significato in ogni parola, ma il progetto si è arrestato prima di raggiungere quell’obiettivo e il solo materiale registrato a riguardo è l’album “Invento”. L’album è uscito tre volte in Spagna con l’etichetta Luscinia Discos.

Leila Goldberg, un critico cinematografico, sottolinea a riguardo del tuo ultimo film “New World”: “ il dominio visivo e il linguaggio metaforico della macchina da presa”. Lo hai realizzato con la collaborazione del poeta estone Ellom (Elo-Mall Toomet). Fluster Magazine ha pubblicato un articolo su un altro tuo progetto, “Visual Poems”. Li hai definiti “haiku sotto forma di immagine”. Quant’è importante la poesia per te e quanto la applichi alla musica e ai film?

Penso che la poesia sia una delle più sincere e altruistiche forme di espressione. In un certo modo, sento che tutto il mio lavoro prova a andare verso la poesia. E’ come un centro, il potere di una metafora può svegliare il cambiamento in una persona e ampliare la sua capacità emotiva. Tutta l’arte è basata sulla costruzione di metafora, incluso l’umorismo.

Per favore, parlaci di più del tuo film “New World” (2014).

“New World” (2014) è un cortometraggio accompagnato dalla presenza, poesia e voce di Ellom (Elo-Mall Toomet), che è un poeta estone che al momento vive nella città di Tartu. “New World” è stato girato con la prima neve invernale ed è parte di una trilogia che sarà conclusa quest’anno. Per questo cortometraggio, la musica che ho composto doveva essere eseguita insieme da violini, strumenti a fiato e un quartetto di voci. Volevo rappresentare l’atmosfera introspettiva e riflessiva che esperisco ogni inverno in Estonia – un posto che la neve trasforma in una tela bianca dove puoi dipingere le tue idee, sogni e paure.

Quali sono i tuoi obiettivi per il futuro, come persona e come artista?

Quest’anno presenteremo un lungometraggio con la partecipazione dell’attore e drammaturgo Mart Aas, l’attrice Siiri Sillat, per nominarne alcuni. E’ stato girato durante tutte le quattro stagioni, in posti diversi dell’Estonia. La colonna sonora del film è stata composta per un quartetto d’archi, voci e strumenti a fiato. L’obiettivo generale è continuare a fare ciò che ci ispira e continuare a condividere il nostro lavoro. Come persona, questo mi permette di non perdere la meraviglia e di capire meglio la gente, cosicché posso poi conoscere meglio me stesso.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: