Showcase: Gabriella Cleuren

Gabriella Cleuren (1942, Kleine-Spouwen, Belgium) studied Nordic Art and Music at the University of Oslo, Norway, studied  painting and drawing at the Academy in Hasselt, Belgium, and painting, drawing, and sculpture at the Academy in Sint-Niklaas, Belgium. Besides her native Belgium, Gabriella has resided in the Dutch Antilles. Norway, and in Germany. These places are the subject of many of her paintings.

Interviewed by Chiara Costantino
 

[Traduzione in italiano in basso]

 
GC_Wounded_AP_12MG
 

Hi Gabriella. How did you start drawing?

I started drawing at school occasionally. I loved it. But as a good middleclass girl at boarding school I had to study music. I played the piano, even Beethoven, Chopin and Bach. But I was more interested by painting, the sensation of colors. It seemed to me like magic, to create on a virgin paper where nothing was. It was fascinating. I really started painting when I lived on an island in the Caribbean. I had so much free time and wonderful landscapes and colors around me. I had to fix that. When I returned to Europe I started to visit the academy for 7 years: painting, drawing and sculpturing.

GC_Loneniless_AP_07MG

What does drawing mean for you?

Today after many years of working as an artist, drawing has become for me : collecting colors and forms I can use later for my own expression. I prefer it on photographs because something of the physic and radiation of the landscape ,or human beings and even the weather is soaked up by it. You cannot reach the same by photos.

GC_Fantastic_morning_AP_08G

Are there painters who influenced you?

I don’t think there are painters who influenced me by their technique. I chose my own way. Goya is a painter I admire most because he witnessed the way his contemporaries acted at that time. It was a shame, but it is still today. There isn’t much distance. What about human evolution in the past 200 years?

????????????????????

On your site you wrote: “In art, the first step is interpretation, or a total transformation, meaning an indoctrination or transformation by the mind.” Can you briefly explain your creative process and the mediums you use?

My creative process is driven by my feelings, my indignation over the way people act, with no respect for others: children and woman. Their lives are often of no value. Poor stupid humanity sometimes. My diary and my filled emptiness mean pleasure to me . In the first place I translate my memory and use what I didn’t want to forget, in my own way. So I create a real, nonrealistic world, a virtual world, the world of the mind. Like I told it is transformation. Its some steps further than interpretation where you walk along the reality. And it’s always surprising. Most people don’t understand, it is a bridge to far.  When I start such a painting I’m only conducted by memory, but have no knowledge where it will bring me. I am totally guided by my intuition and my experience.  The medium I use is mostly paper, canvas , acrylic paint but as well all kind of material like carton, stones, found objects at a seaside, rope and washed wood, plastic , boxes , rubber and anything who inspires me.

????????????????????

What is your favourite subject and why?

My favorite subject is always memory. All my work is about it. My personal memory or the 21 centuries traces of life around me .in a time of globalization, the flavor of our time.

GC_Bonaire_silence_AP_12K

I love the way you use colours. What is their meaning in a work of yours?

In my diary I use colors as an expressive medium. My self-invented icons, like halve circles on the head symbolize thoughts. When they are blue they stand for thinking, red stands for emotion, purple means sadness. I use colors to express and underline feelings.

GC_At_the_other_side5_AP_07MG

I saw some pictures on your site, showing your studio. It seems pretty comfortable! What is work enviroment’s role for you?

My environment is crucial to me. I need a beautiful garden around me, enough esthetic, large space to be able to create, and silence. That’s why my studio looks into the air and over the fields and on beautiful flowers. When everything is filled and disordered, and noisy working is difficult even impossible to me.

GC_At_the_other_side4_AP_07MG

Any advice to those young artists who aim to become a painter?

Try to have a job so you are not dependent on your art. That’s the advice I always give. So you can be free. Study other very good artists and forget. Do your own thing. And never lose the contact with nature.

GC_Arabian_garden_OPP_11_15x20

Any running or upcoming projects?

I just finished 2 works for the Museum of Monastir in Tunisia ( September ) where I took part at the 11 Festival International des arts plastiques. Two abstracts because the theme was: the colors from here and elsewhere. I made one out of two. The colors of Monastir I found in the gardens of Bourguiba which I introduce into my work in the upper part. One project I just finished (September) was an installation of 35 paintings in a beautiful gothic church here with a baroque Flemish painting in the choir : Christ taken down from his cross. My brave new, old worlds expressed the same spirit: called: the sublime in art. My next project will be the theater of the city were I will show some works of my diary, this in November.

????????????????????

A question you would never answer to, is…

I can’t imagine a question I would never answer to . There are always creative answers for such a case.

GC_Arab_lovers_ OPP_11_15x20

GC_Arab_Family_AP_11G

????????????????????

GC_A_lot_of_things_to_do_AP_09MMG

( Images © Gabriella Cleuren)

More on Gabriella Cleuren’s work here

**Italiano**

 
di Chiara Costantino

Gabriella Cleuren (1942, Kleine-Spouwen, Belgio) ha studiato Arte Nordica e Musica all’Università di Oslo (Norvegia), pittura e disegno all’Accademia di Hasselt (Belgio), e pittura, disegno e scultura all’Accademia di Sint-Niklaas (Belgio). Oltre che nel natio Belgio, Gabriella ha vissuto nelle Antille Olandesi, in Norvegia e in Germania. Questi luoghi sono il soggetto di molte delle sue opere.

Ciao Gabriella. Come hai iniziato a disegnare?

Ho iniziato a disegnare a scuola, di tanto in tanto. Lo amavo. Ma, come ogni brava ragazza di classe media in collegio, dovevo studiare musica. Suonavo il piano, persino Beethoven, Chopin e Bach. Ma mi interessava di più dipingere, la sensazione dei colori. Mi sembrava magico, creare su una carta intonsa dove prima non c’era nulla. Era affascinante. Ho iniziato a dipingere sul serio quando vivevo su un’isola dei Caraibi. Avevo un sacco di tempo libero e paesaggi meravigliosi e colori tutt’intorno. Dovevo immortalarli. Quando sono tornata in Europa, ho iniziato a frequentare l’accademia per sette anni: pittura, disegno e scultura.

Cosa significa per te disegnare?

Oggi, dopo molti anni di lavoro come artista, disegnare è divenuto per me: collezionare colori e forme che posso usare in seguito per esprimermi. Lo preferisco alla fotografia, perché qualcosa della fisica e delle radiazioni del paesaggio, o gli esseri umani, persino il tempo ne è impregnato. Non si può ottenere lo stesso con le foto.

Ci sono pittori che ti hanno influenzato?

Non credo ci siano pittori che mi hanno influenzato con la loro tecnica. Scelgo da sola. Goya è il pittore che ammiro di più, perché testimonia il modo in cui i suoi contemporanei vivevano a quel tempo. Era una vergogna, ma lo è ancora oggi. Non c’è molta differenza. Cosa ne è stato dell’evoluzione umana negli ultimi 200 anni?

Sul tuo sito hai scritto: “Nell’arte, il primo passo è l’interpretazione, o una trasformazione totale, intendendo con ciò un indottrinamento o una trasformazione della mente.” Puoi spiegarci brevemente il tuo procedimento creativo e i mezzi che impieghi?

Il mio procedimento creativo è mosso dai miei sentimenti, la mia indignazione per come le persone si comportano, senza alcun rispetto per gli altri, che siano bambini e donne. Le loro vite spesso non hanno valore. Povera stupida umanità, a volte. Il mio diario e colmare il mio vuoto significano piacere, per me. Al primo posto, traduco i miei ricordi e uso ciò che non voglio dimenticare, a modo mio. In questo modo, creo un mondo reale e non reale, un mondo virtuale, il mondo della mente. Come ho detto, questa è trasformazione. E’ alcuni passi più in là dell’interpretazione, là dove cammini lungo il sentiero della realtà. Ed è sempre sorprendente. La maggior parte della gente non capisce, è un ponte troppo distante. Quando inizio un dipinto del genere, sono guidata soltanto dai ricordi, ma non so dove mi condurranno. Sono guidata in maniera totale dalla mia intuizione e dalla mia esperienza. I mezzi che uso sono, per lo più, carta, tela, vernice acrilica, ma anche ogni genere di materiale, come il cartone, la pietra, oggetti che ritrovo sul bagnasciuga, corda e legno portato dalla corrente, plastica, scatole, gomma e qualsiasi cosa mi ispiri.

Qual è il tuo soggetto preferito e perché?

Il mio soggetto preferito è sempre il ricorod. Tutto il mio lavoro ruota attorno a esso. I miei ricordi personali o le tracce del ventunesimo secolo attorno a me, in un periodo di globalizzazione, il sapore della nostra epoca.

Amo il modo in cui usi i colori. Qual è il loro significato in un tuo lavoro?

Nel mio diario uso il colore come mezzo d’espressione. Le mie icone autoinventate, come semicerchi in cima a pensieri simbolici. Quando sono blu, significano pensiero, rosso vuol dire emozione, viola vuol dire tristezza. Uso i colori per esprimere e sottolineare i sentimenti.

Ho visto alcune immagini sul tuo sito, che mostrano il tuo studio. Sembra abbastanza confortevole! Qual è il ruolo dell’ambiente di lavoro per te?

Il mio ambiente è fondamentale per me. Ho bisogno di un giardino meraviglioso intorno, abbastanza di bell’aspetto, uno spazio grande, per essere in grado di creare, e silenzio. Per questo il mio studio si affaccia sull’aria e sui campi e su fiori bellissimi. Quando tutto è colmo, disordinato e rumoroso, lavorare è difficile se non impossibile per me.

Qualche consiglio per quei giovani artisti che aspirano a diventare pittori?

Cercate di avere un lavoro, in modo da non dover dipendere dalla vostra arte. Questo è il consiglio che do sempre. Così potete essere liberi. Studiate altri artisti molto bravi e dimenticateli. Fate lavori che siano vostri. E non perdete mai il contatto con la natura.

Progetti in corso o in arrivo?

Ho appena terminato due lavori per il Museo di Monastir in Tunisia, a settembre, dove ho preso parte all’11° Festival Internazionale delle Arti Plastiche. Due lavori astratti, perché il tema era: i colori di qui e dell’altrove, ne ho fatto uno usandone due. I colori di Monastir che ho rintracciato nei giardini di Bourguiba, che ho inserito nel mio lavoro nella parte superiore. Un progetto che ho appena terminato, a settembre, era un’installazione di 35 dipinti in una bellissima chiesa gotica qui, con un dipinto barocco fiammingo nel coro: Cristo deposto dalla croce. I miei impavidi, nuovi, vecchi mond esprimono lo stesso spirito, chiamato: il sublime in arte. Il mio prossimo progetto sarà il teatro della città, dove esporrò alcuni lavori del mio diario, a novembre.

Una domanda alla quale non risponderesti mai è…

Non riesco a pensare a una domanda alla quale non risponderei mai. Ci sono sempre risposte fantasiose per ogni situazione.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: