Showcase: Quenby Sheree

Quenby Sheree is 30, grew up in Eugene Oregon and now lives in Maitland Florida. She graduated from the Southeast Center of Photography in Daytona Beach in 2012. Quenby was previously a freelance and documentary photographer and now she is the curator/founder of Curating the Unseen, a photography blog featuring emerging and unknown artists. No Shelter Here Project was exhibited earlier this year at The Southeast Museum of Photography.

Interviewed by Chiara Costantino
 

[Traduzione in italiano in basso]

15q

Hi Quenby! How did you come to photography?

How I started photography is a bit of a funny story. My boyfriend at the time had a very expensive digital camera that he would not let me play with, so out of spite; I signed up for a collage photography class on a whim. I bought a Canon Rebel film camera with a kit lens and a bunch of slide film. I was in my early 20’s and it was the first camera I would ever use. Two weeks into the class I came home very excited and told him I knew now I was going to be a photographer. He replied, “But you don’t even like photography!” and I answered, “Yeah, but I love DOING it!” Since then, of course, I love photography. But he was right that in the beginning, I was only interested in the process of taking the photo and cared little for the end result.A few years later we had a bad breakup and I would pick up and leave for the Southeast Center of Photography across the country, on another whim. I tend to make quick decisions, but I also stick with them.

14q

You told us your favourite work of yours is the No Shelter Here project. What is it and why did you realize it?

No Shelter Here are portraits of dogs in the animal shelter environment with text stating the reason they were abandoned by their owners. I think it started as an emotional outlet for me because I have been volunteering at shelters on and off since I was a teenager, but the experience is very emotionally draining. I continued the project because their story needs to be told. People need to understand the reality of what they are doing when they abandoned their pets and the general population needs to see that these dogs are not broken or inadequate just because someone else didn’t want them.

13q

What would you tell those people who abandoned their dogs, if you could talk to them right now?

I would tell them that there is no good reason to abandon their dog. That the dog was scared, confused, and most likely put to death. That I don’t care how inconvenient they became- when you take a dog in it is for life, not just as long as the dog is convenient or fun.

12q

Is there a happy ending for those dogs? Did they find a new home and people who really care for them?

None of those dogs, as far as I know, found homes.

11q

Do you think laws can do anything for abandoned animals or is it just a matter of education?

We need more strict laws punishing those that abuse and neglect animals. And education about the importance of spaying and neutering pets, how to properly train them, how expensive it is to care for them, the dangers of “backyard breeding” where uneducated amateurs that do not pay for gene testing breed and sell dogs, the fact that there is NO REASON to buy a pet when so many are being put to death because of lack of homes…

10q

You founded a submission blog “Curating the Unseen”, featuring emerging and unknown photographers. How did you start with this idea and why?

I had recently graduated with my AS degree in photographic technology from the Southeast Center of Photography and was in a transitional phase. I decided I hated freelancing and stepped out of the job market while I figured out what I wanted to do with my own work. I was reading Lenscratch when it just struck me, I’m perfectly qualified to do this kind of blog. I love to edit, I know a lot of photographers, I understand social media… And CtU has a very different collection of work. I don’t think any of us are doing the same thing because the people running these blogs have such varied tastes.
Of course Curating the Unseen, like most blogs, make no money at all. But it’s far more fulfilling then photographing at a portrait studio was for me. It’s my life now. I work on it for several hours every day and I plan to keep it going for life.

9q

How does this project work?

I have different type of entries. A lot of them are Featured posts where the work is from one single photographer and then I interview them. There is one theme I call, “Imaginary Places” where I construct a fictional world using various artists’ photos. Those are my favourite entries to put together.
There are also different themes I put together when different inspiration strikes me from the photos I collect from the artists or often it is something I read or music I am listening to. Like with my own photography, I pull inspiration from different sources.

8q

How did Internet and this blog help you and other artists?

The internet itself is an unparalleled tool for me. The ability to be in so many different photo communities, make so many connections with other artists, show my work to the staggering amount of people I am able to… I would not be the photographer I am without it. Fluster Magazine, and the other submission blogs out there that properly credit the photographers and get permission to publish them are tantamount to the growth of this industry. Both those things are equally important- if you credit without permission it is still theft. Fluster is one of the few places that understands that. I wouldn’t be here otherwise. If you are not creating the blog to help the artists whose work you show then you shouldn’t be doing it.

7q

On your personal blog there’s a section called “Conversations with my mother”. Why?

I have the best conversations with my Mother. After years of talking to her through online chat I realized I should be saving them because she’s not going to be around forever and I want her exact words. My memory is not reliable. One day I might have a daughter that will want to get to know her grandmother at an age she would not have otherwise.

6q

There are also some portraits in the “I shoot film” section. Who are your models?

There is one from a 4×5 camera of a goth kid and that’s my favourite. His name is Bobby Love and he’s the biggest sweetheart in the world. I yanked him out of the darkroom at school- pretty much pointed at him and said, “YOU! YOU WILL POSE FOR ME!”, something obnoxious like that. I was way too thrilled that day over getting my hands on a 4×5. Most of those shots are people I went to school with. One, the girl in the large glasses is a contributing photographer to CtU, Alyson Bowen.

5q

What are your plans for future works?

Right now I am attempting the photo a day project for maybe the 10th time. I’m not good at it. As for my next portfolio, I really hope to start photographing a nearby sustainable ‘Voluntary Simplicity” group that grows their own food, lives in small eco housing, live off the land as much as possible… I haven’t been able to take these steps in my life but I have a deep interest because I believe they put far more thought into how they live then I have been and I want to learn from that. The only way I am comfortable interacting is through photography, and I think it would be a great documentary project.

3q

4q

2q

1q

(Images © Quenby Sheree)

More of Quenby Sheree’s work here  and here

You can find No Shelter Here project here

**Italiano**

 
di Chiara Costantino
 

Quenby Sheree ha 30 anni, è cresciuta a Eugene, Oregon e attualmente vive a Maitland, Florida. Si è laureata presso il Southeast Center of Photography a Daytona Beach nel 2012. Prima era fotografa freelance e documentarista, al momento è la curatrice/fondatrice di Curating the Unseen, un blog che tratta di artisti emergenti e non famosi. Il suo progetto No Shelter Here è stato esposto quest’anno presso il Southeast Museum of Photography.

Ciao Quenby! Come sei arrivata alla fotografia?

Come ho iniziato a scattare foto è una storia abbastanza divertente. Il mio ragazzo dell’epoca possedeva una fotocamera digitale molto costosa che non mi lasciava mai toccare, così per dispetto: mi iscrissi a un corso di fotografia di collage per capriccio. Acquistai una fotocamera analogica Canon Rebel con un kit di obiettivi e un po’ di pellicola diapositiva. Due settimane dopo l’inizio del corso, tornai a casa molto eccitata e gli dissi che ora sapevo che sarei voluta diventare una fotografa. Lui replicò: “Ma se nemmeno ti piace la fotografia!”, e io risposi: “Già, ma amo FARLE!” Da allora, naturalmente, amo la fotografia. Ma aveva ragione riguardo agli inizi, ero solo interessata nel procedimento dello scattare la foto e mi preoccupavo molto poco del risultato finale.
Alcuni anni più tardi la nostra relazione finì molto male, così raccolsi la mia roba e partii per il Southeast Center of Photography, attraversando il paese, seguendo un altro capriccio. Tendo a prendere decisioni impulsive, ma le porto fino in fondo.

Ci hai detto che il tuo lavoro preferito, tra quelli che hai fatto, è il progetto No Shelter Here. Cos’è e perché lo hai realizzato?

No Shelter Here si compone di ritratti di cani nell’ambiente del rifugio per animali, con un testo di accompagnamento che spiega la ragione per cui sono stati abbandonati dai loro proprietari. Penso che iniziò come uno sfogo emotivo per me, perché faccio la volontaria presso i rifugi di quando in quando da quand’ero adolescente, ma l’esperienza ti prosciuga davvero a livello emotivo. Ho continuato il progetto perché le loro storie dovevano essere raccontate. Le persone hanno bisogno di capire la realtà di cosa stanno facendo quando abbandonano i loro animali e il resto della gente deve vedere che questi cani non sono deboli o inadeguati solo perché qualcun altro non li ha voluti.

Cosa diresti alle persone che hanno abbandonati i loro cani, se potessi parlarci in questo momento?

Gli direi che non esiste una ragione valida per abbandonare il loro cane. Che il cane era spaventato, confuso, e nella gran parte dei casi, probabilmente condannato a morte. Che non mi importa quanto scomodi fossero diventati – quando prendi un cane, è per sempre, non finché il cane ti fa comodo o per divertimento.

C’è un lieto fine per questi cani? Hanno trovato una nuova casa e persone che si occupassero davvero di loro?

Nessuno di questi cani, per quanto ne sappia, ha trovato casa.

Pensi che le leggi possano fare qualcosa per gli animali abbandonati o è solo un problema di educazione?

Abbiamo bisogno di leggi più severe, che puniscano coloro che abusano e trascurano gli animali. E l’educazione riguardo l’importanza di sterilizzare e castrare gli animali domestici, come addestrarli in modo adeguato, quanto costoso sia prendersene cura, I pericoli degli “allevamenti clandestini”, dove ignoranti allo sbaraglio che non pagano per i test genetici allevano e vendono cani, il fatto che NON c’è MOTIVO per comprare un animale domestico quando molti sono condannati a morte a causa della mancanza di case che li accolgano…

Hai fondato “Curating the Unseen”, un blog che presenta fotografi emergenti e sconosciuti. Come hai iniziato con quest’idea e perché?

Di recente mi sono laureata in tecnologia fotografica presso il Southeast Center of Photography ed ero in un periodo di transizione. Ho deciso che detestavo lavorare come freelance e sono uscita da quel giro mentre cercavo di capire cosa volevo farne del mio lavoro. Stavo leggendo Lenscratch quando mi ha colpito, sono perfettamente qualificata per tenere questo tipo di blog. Amo occuparmi dei contenuti, conosco un sacco di fotografi, ne capisco di social media… E CtU ha una serie di lavori molto diversa. Non penso che nessuno di noi stia facendo la stessa cosa, perché le persone che si gestiscono questi blog hanno gusti così tanto diversificati. Di certo Curating the Unseen, come la gran parte dei blog, non procura dei soldi per niente. Ma è molto più soddisfacente che scattare ritratti in unstudio, per me. E’ la mia vita, ora. Ci lavoro per molte ore, ogni giorno, e progetto di farlo continuare per tutta la mia vita.

Come funziona questo progetto?

Ho tipi diversi di contributi. Un sacco di questi sono Post di presentazione, dove il lavoro proviene da un singolo fotografo che poi io intervisto. C’è un argomento che chiamo “Luoghi immaginari”, dove creo un mondo di finzione, utilizzando varie foto di questi artisti. Quelli sono i miei contributi preferiti da mettere insieme. Ci sono poi argomenti diversi che metto insieme, quando un’ispirazione diversa mi colpisce dalle foto che ricevo dagli artisti, o spesso è qualcosa che leggo o la musica che sto ascoltando. Come con la mia stessa fotografia, ricavo ispirazione da varie fonti.Come hanno aiutato Internet e questo blog te e altri artisti?Internet stesso è uno strumento impareggiabile per me. La capacità di essere in così tante, diverse community di foto, tracciare così tante connessioni con altri artisti, mostrare il mio lavoro allo sbalorditivo numero di persone cui riesco… Non sarei la fotografa che sono senza. Fluster Magazine e gli altri blog in rete cui si possono inviare dei contributi che, in maniera giusta, citano i fotografi e ottengono l’autorizzazione per pubblicarli, sono pari alla crescita di quest’industria. Entrambe queste cose sono importanti allo stesso modo – se citi senza permesso è ancora rubare. Fluster è uno dei pochi posti che lo capisce. Non sarei qua altrimenti. Se non stai creando il blog per aiutare gli artisti di cui mostri il lavoro, allora non dovresti crearlo.

Sul tuo blog personale c’è una sezione chiamata “Conversazioni con mia madre”. Perché?

Le mie migliori conversazioni le ho con mia madre. Dopo anni di dialoghi con lei tramite chat, ho capito che avrei dovuto salvare quelle conversazioni, perché non sarà al mondo per sempre e voglio conservare le sue parole esatte. La mia memoria non è affidabile. Un giorno potrei avere una figlia che vorrà conoscere sua nonna a un’età in cui altrimenti non potrebbe.

Ci sono anche alcuni ritratti nella sezione “Scatto su pellicola”. Chi sono i tuoi modelli?

Ce n’è una, fatta con una fotocamera 4×5 di un ragazzo goth, e quella è la mia preferita. Il suo nome è Bobby Love ed è il più gran tesoro del mondo. L’ho strattonato fuori dalla camera oscura a scuola – in sostanza l’ho indicato e ho detto, “TU! TU POSERAI PER ME!”, qualcosa di detestabile del genere. Ero così su di giri quel giorno all’idea di mettere le mani su una 4×5. La gran parte di quegli scatti sono persone con cui andavo a scuola. Una, la ragazza con grandi occhiali è una fotografa che collabora a CtU, Alyson Bowen.

Che progetti hai per i tuoi lavori futuri?

Adesso sto tentando di fare la foto per un progetto del giorno, forse per la decima volta. Non sono brava in queste cose. Come per il mio prossimo portfolio, spero sul serio di iniziare a fotografare un quasi ecosostenibile gruppo, “Voluntary Simplicity”, che coltiva il proprio cibo, vive in piccole abitazioni ecologiche, vive della campagna per quanto possibile… Non sono stata in grado di intraprendere questi passi nella mia vita, ma ho un interesse molto profondo perché credo che ci mettano molta coscienza nel modo in cui vivono di quanto abbia fatto io, e voglio imparare da ciò. Il solo modo in cui mi sento ad agio nel rapportarmi è la fotografia, e ritengo che sarebbe un grande progetto documentario.

 
 
Comments
One Response to “Showcase: Quenby Sheree”
  1. Cicci says:

    Beautiful photos and bang on texts!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: