Showcase: Pretty In Mad

Pretty In Mad: film adventures. Her motto is “cats and cameras. What else?”.

I say: rolls, a lot of rolls, experiments and poppy fields.

Interview by Giulia Bertelli

[Traduzione in italiano in basso]

selfyashicacolor

Hi Pretty in Mad, I’m going to admit something right away: I’ve been following your adventures around the web for a while, but I’ve never really stopped to get a good look at your blog. Could we say that it collects everything you do analogically?

Hi Giulia, it’s a pleasure to be here and I’m flattered by the fact that you already knew me a little! As for my blog you got it right: it is the collection of everything I do, experiment and happens to me related to the analog world. You could say that it is some sort of diary, that I try to update as often as possible, that it helps me to keep in mind the point at issue and that it also has the goal to let know the great world of film photogarphy and its unlimited possibilities, to everyone who wants to read me.

Senza titolo-7

How was Pretty in Mad born?

Pretty in Mad was born from the need to put black on white what happened to me, from the desire to share my photographic experiences and from the inspiration that came from the old blog (that I often refer to if I need practical advices) of Giuseppe Di Cillo, one of the first, if not the first, to open this kind of blog in Italy.
At the beginning mine was a hybrid blog, I used to publish both digital and analogue pictures, then, when I understood that the way of the film was my favourite one, I decided to make it more “thematic” keeping out digital shots of any kind: DSLR, point and shoots or smartphones.

Senza titolo-21

Why the Thursday picture?

I frequently make regular columns to keep up the rhythm: when you blog it is easy to give up  to the laziness and start publishing less and less until you reduce the blog to a minimum. I’m hopelessly lazy, if I didn’t give myself some rules, I`d risk this kind of thing every two or three days.
I chose the Thursday because it’s in the middle of the week, a day when I didn’t use to publish anything and it was a “box” on the calendar that was frequently empty.
The column Thursday picture is an occasion to publish pictures I like but that were not previously published because they had no connection with the other ones. It might look like a common idea but I like it very much, it lets me value shots that would otherwise lay on my desktop, without ever “seeing the light”.

soap film mustolina-prettyinmad 8

One has just to take a look at your work to see your love for film. The best thing is that you’re not afraid of it, how you play with it and how you enjoy it. How did you come to using film? Was it love at first sight or was there a lot of flirting?

I enjoy film, I like to try, mess it up and see what comes out of it. This is why I never take myself too seriously, I don’t have neither the claim to do artistic pictures nor to do art. Analog photography makes me happy during and after doing it. Maybe it is just for this reason that, as you say, I’m not afraid of it.
My love was born gradually, it was cultivated for months, after I bought my first Diana F+ by chance.
The first disappointments, the hesitations, getting aware that it’s not a cheap hobby. Then, at some point, I understood I could never lose it and that if I wanted to be really happy I would have had to continue and grow up with this passion.

Senza titolo-22

Tell me something about the Film Soups, I was fascinated.

The Film Soups are essentially swills (that can be made with the most different substances) in which the films are plunged to then be left to dry and then shot with. It’s a technique for the real bumblings… I think those who are trying to find the perfect pictures will never be satisfied with any of these soups!
At this moment I have different experiments going on and I opened a column on my blog just dedicated  to this kind of experiences.

poppies soapy film - pretty in mad 2

4Seasons disposable cameras: what is it about?

Those who have been following me for some time know how much I love disposable cameras. For this project I asked the collaboration of some blogger friends of mine: Holga My Dear, Mustolina, TWTGE, La lele Goes to.., Fotografica Mente Luna, Guchippai Takes polaroid, Diary Of a messy lady, Italida Photography.
The 4SEASONS project is very simple: every season we pass to each other, via mail, one disposable camera with which we  take three pictures each. The Spring Edition 2013 was already published here and the disposable camera for the Summer Edition is already on the road!

Senza titolo-11

I’m going to ask to you a difficult question, maybe: tell us all your analog cameras you have used? From the very first one up to the last one you just put down to answer to this questions.

The question would be very difficult if I didn’t have my lovely blog! On the sidebar there is the “Shooting With” section which contains the names of all of my cameras with which I shot until now, if you click on the names you can go to the posts with the relative pictures. Anyway, to reply to your question, the first camera I used when it started my adventure on the blog was, as I said before, a Diana F+ while the last one is a Rollei Redbird Creative edition disposable camera that I used around Bologna with me this morning, with which I will give my second contribution to a wonderful world wide photographic project called Indisposable Concept  that started in Australia! If anyone is interested I talk about it here.

Do you have a favourite camera?

As matter of fact I have many, but if I have to say one on top of everyone I’ll say my lovely Pentax MX… now sadly is broken. I have many others to replace it with, but this one stays in my heart so as soon as I have the financial chance I will fix it.

kodak Tmax 400 - pretty in mad 9

Other than weekly and seasonal projects, you have a monthly one, if I’m correct. A Bunch of black and white. What is it about?

You are not mistaken! A bunch of black and white every month is born from the need to improve my way of shooting in black and white. I love colour films and I rarely shoot with the black and white ones. This is not because I don’t like  b/w photography, on the contrary, it fascinated me very much… it is just less natural for me. So, when I had in my hands a Tmax400 kodak film, a very versatile film and one great in every light condition, I decided to impose to myself to shoot one roll every month for a year and to publish the results. And I have to say with satisfaction that there is some sort of improvement.

SUNSET STRIP dishwashed by mustolina - pretty in mad 1

Do you have a favourite subject to photograph? And a moment of the day which you would always like dedicate a shot at?

I have to say that regarding the subjects I have phases, in any case what I never get bored to photograph are for sure poppies, cats and the country landscape.
The light in the early morning is my favourite, even though it doesn’t actually happen often that I can take advantage of it!

revolog kolor lcwide - Pretty in Mad 23

Rediscovered films: as I can see on your blog it happened to you often. Is it better  to discover your own forgotten films or someone else’s treasures?

For me I have to say someone else’s treasures.
If I discover pictures I had forgotten they sure didn’t have much importance to me, or in any case, I know where they have been taken, in what contest, in what moment. But to find a roll taken by strangers and still not developed and to go to take the negatives is something that always excited me very much every time!
I spend hours to imagine stories and to ask me who are these people!
These are what I collected until now.

cat window red scale - Pretty in Mad

To you, is  analog photography  for those who want to start to take pictures maybe playing with films and lights or is it more for someone who already is a digital photographer?

I think analog photography is for anyone who has the desire to put themselves to the test, to experiment and to find again, in the age of the “everything now”, the pleasure of the wait, the magic of the surprise and, why not, also the sadness of some delusions!
In one word, I think that analog photography, now more than ever, is for who still has the pleasure of GETTING EXCITED.

poppies vista - pretty in mad 2

What do you think about film swapping?

I love very much fim swapping, it often happened to me to “swap” (these are the results) and I have to say that it’s a collaborative technique I like very much: I find the fact that places so distant can “mix” in the same pictures very emotional… that people who never met can find one another in the same shot. And it’s not like putting together two images with photoshop because with film swapping the film had actually travelled! The roll was really there, in that place!
What can I say… so much love for the film swap!

Senza titolo-23

I heard the news that you will soon be again one of us here on Fluster Magazine. Can you tell us something about what you will do or  is it an analog secret?

Ohhh yes yes yes, I will absolutely be here again!
I have been asked  to collaborate with Fluster Magazine and I accepted with joy!
Let’s say that I was given the chance to do many different things and I’m eager to see how it will work out!
I will be the editor for a selection of photos (analog, of course – I don’t even have to tell you that!!) that will published regularly on FM. The feature will be called Pretty In Fluster. The photos will be selected from the Flickr pool with the same name, I am inviting  you all to join Pretty in Fluster Flickr group and upload your best analog photos, they might be selected and  published on FM!

Also, I will join forces with Fluster Magazine for an important project that will involve analog photographers from all around the World!
Together with FM team I will be part of the jury of a very interesting contest revolving around the FILM SWAP tecnique, which I love so much! The contest winners will be published in a photo-book and there will be also many other prizes offered by well renowned sponsors!

Are you curious? You will have to wait until Thursday  1st of August to know all about it!

PIMFLUSTERpastello(1)

More about PIM`s work here.

-.-

ITALIANO

Intervista di Giulia Bertelli

Ciao Pretty in Mad, ammetto subito una cosa: è da un po’ che seguo le tue avventure in giro per il web, ma non mi ero mai soffermata veramente per bene sul tuo blog. Si può dire che racchiuda tutto quello che fai in campo analogico?

Ciao Giulia, è un piacere essere qui e il fatto che già un pochino mi conoscessi mi lusinga! Per quanto riguarda il mio blog hai azzeccato un pieno il concetto: è il contenitore di tutto ciò che faccio, sperimento e che mi capita che abbia a che fare con il mondo della fotografia analogica. Si può dire che sia una sorta di diario, che cerco di aggiornare più spesso possibile, che mi aiuta a tenere ben presente il punto della situazione e che ha anche lo scopo di far conoscere il meraviglioso mondo della pellicola e le sue infinite possibilità, a chi ha voglia di leggermi.

Come è nato Pretty in Mad?

Pretty in Mad è nato dall’esigenza di mettere nero su bianco ciò che mi accadeva, dalla voglia di condividere le mie esperienze fotografiche e dall’ispiranzione che mi è arrivata dal vecchio blog (che ancora spesso consulto se mi servono consigli pratici) di Giuseppe Di Cillo, uno dei primi, se non il primo, ad aprire un blog di questo tipo in Italia.
Inizialmente il mio era un blog ibrido, nel senso che pubblicavo foto sia digitali che analogiche, poi, quando ho capito che la strada del rullino era la mia strada del cuore, ho deciso di renderlo più “tematico” escludendo scatti con digitali di qualsiasi tipo, che fossero reflex, point and shoots o smartphones.

Come mai proprio La foto del Giovedì?

Spesso apro rubriche a cadenza regolare per tenere il ritmo: nel blogging è facile lasciarsi andare alla pigrizia e cominciare a pubblicare sempre meno fino a ridurre il blog ai minimi termini. Io che sono una pigra cronica, se non mi do delle regole, rischio questa cosa ogni due o tre giorni.
Ho scelto il giovedì perché è al centro della settimana, un giorno in cui non sempre pubblicavo ed era quindi una “casella” in calendario che spesso rimaneva vuota.
La rubrica La foto del Giovedì è un’occasione per pubblicare foto che mi piacciono che però sono rimaste inedite perché senza alcun filo logico con altre. Può sembrare un’idea banale ma a me piace molto, mi permette di valorizzare scatti che altrimenti rimarrebbero sul desktop senza mai “vedere la luce”.

Basta guardare un po’ fra i tuoi lavori per accorgersi del tuo amore per la pellicola. La cosa bella da vedere è di come tu non ne abbia paura, di come ci giochi, ti diverta e dei risultati. Come sei arrivata alla pellicola? E’ un amore a prima vista o è stato un corteggiamento lungo?

La pellicola mi diverte e mi appassiona, mi piace sperimentare, pasticciare e vedere cosa ne esce. Questo perché non mi prendo mai sul serio, non ho né la pretesa di fare foto artistiche né quella di fare arte. La fotografia a pellicola mi rende felice prima durante e dopo averla fatta. Forse è proprio per questo motivo che, come dici tu, non la temo.
L’amore è nato gradualmente, è stato coltivato per mesi, dopo aver comprato la prima Diana F+ assolutamente per caso.
Le prime delusioni, le incertezze, il rendersi conto che non è un hobby a buon mercato.
Poi a un certo punto ho capito che non avrei più potuto farne a meno e che se volevo essere veramente felice avrei dovuto continuare e crescere insieme a questa passione.

Raccontami qualcosa sulle Film Soups, io ne sono rimasta affascinata.

Le Film Soups, letteralmente “zuppe di pellicola”, sono sostanzialmente intrugli (che possono essere composti dalle sostanze più diverse) nei quali vengono immersi i rullini per poi essere lasciati asciugare ed infine scattati.

E’ una tecnica adatta solo ai veri pasticcioni… chi cerca immagini perfette non credo resterà mai soddisfatto da una di queste zuppe!

Attualmente ho diversi esperimenti in corso e ho aperto una rubrica sul blog dedicata proprio a questo tipo di esperienze.

4Seasons disposable camera project: di cosa si tratta?

Chi mi segue da un po’ sa quanto io sia amante delle fotocamere usa e getta.
Per il progetto in questione ho chiesto la collaborazione di bloggers amici: Holga My DearMustolina, TWTGE, La lele Goes to.., Fotografica Mente Luna, Guchippai Takes polaroid, Diary Of a messy lady , Italida Photography.
Il progetto 4SEASONS è molto semplice: per ogni stagione ci “passiamo”, spedendocela, una usa e getta della quale scattiamo 3 foto a testa. La Spring Edition 2013 è già stata pubblicata qui e la disposable per la Summer Edition è già in viaggio!

Sto per farti una domanda difficile, forse: quali sono TUTTE le macchine fotografiche a pellicola che hai usato? Dalla prima che hai preso in mano a quella che hai posato per rispondere a queste domande.

La domanda sarebbe davvero difficile se non avessi il mio amato blog! Nella sidebar c’è la sezione “Shooting With” che contiene i nomi di tutte le fotocamere con cui ho scattato fino ad ora, cliccando sui nomi si viene indirizzati ai post in cui sono pubblicate le rispettive foto.
Comunque, per rispondere in pieno alla domanda, la prima fotocamera con cui ho scattato da quando è cominciata la mia avventura nella blogosfera è, come ho detto poco sopra, Diana F+ mentre l’ultima è la usa e getta Rollei Redbird Creative edition che mi sono portata in giro Bologna stamattina, con la quale darò il mio secondo contributo ad un progetto fotografico globale bellissimo chiamato Indisposable Concept che parte dall’Australia! Per chi fosse interessato, ne ho parlato qui.

Hai una macchina fotografica del cuore?

Ne ho tante per la verità, ma se devo dirne una su tutte dico la mia adorata Pentax MX.. che purtroppo attualmente è rotta. Ne ho molte altre con cui sostituirla, ma questa mi è rimasta nel cuore quindi appena ne avrò la possibilità economica la porterò a far riparare.

Oltre a progetti settimanali e stagionali, ne hai anche uno mensile, se non sbaglio. A Bunch of black and white.Di cosa si tratta?

Non sbagli! A bunch of black and white every month nasce dall’esigenza di migliorare il mio modo di scattare in bianco e nero.
Amo le pellicole a colori e scatto raramente in bianco è nero. Questo non perché la fotografia in bianco e nero non mi piaccia, anzi, mi affascina moltissimo.. semplicemente mi risulta meno naturale. Così, quando mi è capitata tra le mani una bobina di kodak tmax400, una pellicola super versatile ed ottima praticamente in ogni condizione di luce, ho deciso si impormi di scattarne un rullino al mese per un anno e di pubblicarne i risultati. E devo dire che con soddisfazione che qualche progresso si è visto!

 Hai un soggetto preferito da fotografare? E un momento del giorno che vorresti sempre dedicare a uno scatto?

Devo dire che con i soggetti vado a periodi, in ogni caso ciò che non mi stanco mai di fotografare sono sicuramente i papaveri, i gatti e i paesaggi di campagna.
La luce del primo mattino è la mia preferita, anche se in realtà non capita spesso che possa approfittarne!

Pellicole ritrovate: da quello che vedo sul tuo blog ti capita spesso. E’ più bello ritrovare foto proprie dimenticate o tesori altrui?

Per quanto mi riguarda dico assolutamente tesori altrui.
Se ritrovo foto che avevo dimenticato sicuramente non avevano grande importanza per me, o in ogni caso, so dove sono state fatte, in quale contesto, in quale momento.
Ma trovare un rullino esposto da sconosciuti e non ancora sviluppato e andarne a ritirare i negativi è qualcosa che mi emoziona sempre tantissmo!
Passo ore ad immaginare storie e a chiedermi chi siano quelle persone!
Queste quelle che ho collezionato fino a questo momento.

Secondo te, la fotografia analogica, è più per chi vuole iniziare a fotografare magari giocando con pellicole e luci o per chi è già abituato a fotografare in digitale?

Penso che la fotografia analogica sia per tutti quelli che hanno voglia di mettersi alla prova, di sperimentare e di riscoprire, in un epoca del “tutto subito”, il gusto dell’attesa, la magia della sorpresa e perchè no, anche l’amaro di qualche cocente delusione!

In una parola, credo che la fotografia analogica, oggi più che mai, sia per chi ha ancora voglia di EMOZIONARSI.

Cosa ne pensi del film swap?

Amo molto i film swap, mi è capitato di “swappare” spesso (questi i risultati) e devo dire che è una tecnica di collaborazione che mi piace moltissimo: trovo davvero emozionante il fatto che luoghi così lontani possano “incrociarsi” in una stessa foto… che persone che mai si son viste si ritrovino nello stesso scatto. E non è come mettere insieme sue immagini con photoshop perchè con il film swap la pellicola ha viaggiato! Il rullino, in quel posto, ci è stato davvero!
Che dire… tanto amore per i film swap!

L`intervista e` quasi finita… e ci sono grosse novita` da annunciare come la notizia che prossimamente sarai ancora dei nostri qui su Fluster Magazine. Ci puoi dire qualcosa di quello che farai o è un segreto analogico?

Uuuuu sisisisisi ci sarò eccome!
Mi è stato proposto di collaborare ed io ho accettato con grande gioia!

Diciamo che mi è stata data l’opportunità di mettere le mani in pasta in diversi modi e non vedo l’ora di vederne gli sviluppi!
Come prima cosa avrò uno spazio personale in cui curerò una selection di scatti (rigorosamente analogici – ma che ve lo dico a fare!!) che abbiamo deciso di chiamare Pretty in Fluster. Le foto verranno selezionate dal pool flickr omonimo, ricordatevi perciò di fare “join” al gruppo Pretty in Fluster su Flickr e di postare nel pool le vostre migliori foto analogiche perchè potreste vederle pubblicate tra le pagine di FM!  

Inoltre collaborerò ad uno dei progetti più importanti di Fluster Magazine, che impegnerà fotografi analogici sparsi per tutto il globo! In pratica farò parte della giuria, insieme alla redazione di FM, per un interessantissimo contest basato sulla tecnica dello SWAP, che io amo tanto, alla fine del quale sono previsti premi (messi in palio da sponsors eccellenti!) per i migliori scatti e nientemeno che la pubblicazione di un photobook!
Curiosi? Non vi resta che attendere giovedì  per conoscerne tutti i dettagli!

Comments
4 Responses to “Showcase: Pretty In Mad”
  1. holgamydear says:

    Grandissima PIM! 🙂

Trackbacks
Check out what others are saying...
  1. […] una bellissima intervista a Pretty In Mad e tutta dedicata alla fotografia analogica! Quindi andate qui a leggere ed ammirare i suoi bellissimi scatti, come quello qui […]

  2. […] una bellissima intervista a Pretty In Mad e tutta dedicata alla fotografia analogica! Quindi andate qui a leggere ed ammirare i suoi bellissimi scatti, come quello qui […]



Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: