Showcase: Agent X

Raised in the state of Kentucky in the United States of America and Connecticut, Agent X’s artwork has been exhibited in London, Spain, Los Angeles, and New York City. He studied art in New Haven, Vancouver and Atlanta, and was a semi-finalist in the New York Art Marathon (2011). Agent X currently lives and works in Vancouver, Canada and his artwork has been featured in many magazines and currently in famous art galleries in New York City, Spain and London.

Interviewed by Chiara Costantino

[Traduzione in italiano in basso]

Agent-X Golden-Girlz

Hi, Agent X! How did you come to art?

First thank you so much and I love the magazine!! How I first came to art really is around high school. I wanted to be a filmmaker and I was always visual since then. Also all my friends were into rapping, producing music and stuff so I got the best of both worlds. I use to do big collages in college and then after I moved from Atlanta to Vancouver and went to the art institute and then got more serious after that. I started entering my artwork into contests and got semi-finalist in New York Art Marathon. After that, like French Montana says, everything a go!

Agent X-Your-A-Customer

What about your nickname? What is its meaning?

My name Agent X means that I am a agent of the unknown. I never make the same artwork twice which is a mystery, also that I’m always on a mission to create. A agent always has to be someone different, that why I always make something new. The adventure.

Agent X-Untitled 19502345

You wrote on your site that your work is influenced by pop culture from the 1920s to the present. Who has most influenced you and why?

Hmmm well I would say mostly I love Romare Bearden, Giacomo Balla, Andy Warhol, Bansky, Takashi Murakami, Dondi, Antonio Sant’Elia, Jacques Villegle, Damien Hirst and Syd Mead. Most of these artists invoke a sense of social commentary, unique artistry, Futurism and Commercialism. You can see all of there influences in my artwork. Also pop culture as in music, news and film as well. I am influenced by all energy and thought.

Agent X-The Winds of Hae-Joo Chang

Did Internet change people’s attitude toward art? And yours?

I think with the internet it’s all in the consumers hands, or should I say click. Just like the music business ,artists these days have more control with their artwork and the way that it is sold. Look at the deal Jay Z did with Samsung. You have to look forward. The relationship in the future and now is better for the artist. I still think it is really cool to go to a gallery, but the gallery needs to be cool as well.

Agent X-Robot numéro un

How would you describe your way of working? Do you plan it?

Well my way of working is mostly this: lots of music and time. Even the simplest artwork. I usually have tons of magazines and paint, then I just go from there. It also depends on how I feel and what statement I want to make or not. I will make pieces like “Golden Girlz” or “Ice Cream” as they are like my Norman Rockwell type of artworks or something like “2320” with a Sim card, steel wool, Memory card reader, key chain, watercolor, oil, and magazine clippings. I never make the same thing twice. Always spontaneous with extreme execution.

Agent X-Osmosis Entitlement

You’re African-American and Canadian. How does this impact your work?

Well I grew up in Louisville, K.Y, Vancouver, New Haven and Atlanta. The African-American side of my artwork is adventurous and traditional. The Canadian side is very futuristic and multicultural just like Canada. Also in the future I see myself doing some more nature themes which is very Canadian as well. It impacts my artwork always because I am thinking about these cultures in society and the technology that brings us together, or brings us apart.

Agent X-Ice Cream

What do you want to communicate through your art?

Mostly futurism and Pop Art with thought. I love the medium of collage because I can do anything and any topic. I try to do themes that are timeless and not over used. I like it fresh. Also I like to communicate a high level of skill in the artwork.

Agent X-IC2167

What can you suggest  a young artist?

Just make sure that you study the greatest artist and also develop your own artistic style. These days it’s so easy to just follow something that is popular, but to me it’s the best artist that make their own lane. Also I suggest to make lots of artwork because sometimes even the old is new and the new is old.

Agent X-FireAnt

Are you interested in other forms of art besides collage?

Yes I love music. All my friends did music. Rapping, Producing, DJ’s, Spoken word. If you didn’t do something you weren’t down. In my teens living in the New Haven area, near Yale University. I was always exposed to seeing the finest artworks and free lectures on art theory and film, which when I was in high school was my thing. So also would love to do film as well.

Agent X-B Girls

There’s a work of yours, named “Stelle d’Italia”. I’m Italian and I was struck with that name. What does this work mean?

The translation “Stelle d’Italia” means the “Stars of Italy”. If you see the colors in the artwork they are in White, Red and Green. The piece is also abstract which is a honor to the Italian abstract painters. I have many friends that are Italian where I’m from in the New Haven/Hamden area in America . So I also have been influenced by them and Italian culture growing up.

Agent X-$ALE

I know it’s not a simple question… Which is your favorite work of yours and why?

Well you are right not a simple question but I guess I like my piece”KingZ” because it has themes of every style of collage that I use. The piece has themes of futurism, history, abstraction, pop art and music which are all things that I love.

Agent X -Smokin

What are your plans for future works?

Well I just started showing my exclusive prints and original artworks at the New Blood Art gallery from London and I will be in the next group show at the SoHo Gallery for Digital Art in New York in August. Lastly I am planing a solo show next year in Spain at the Can-Pop gallery. I hopefully would love to have a gallery in Italy as well to show my artwork. Thank you so much!

Agent X- KINGZ

Agent X- Bullseye horizons

( Images © Agent X)

More Agent X’s work here

**Italiano**

di Chiara Costantino
 

Cresciuto nello stato del Kentucky (USA) e nel Connecticut, il lavoro di Agent X è stato esposto a Londra, in Spagna, a Los Angeles e a New York. Ha studiato arte a New Haven, Vancouver e Atlanta, ed è stato semi-finalista alla New York Art Marathon (2011). Al momento, Agent X vive e lavora a Vancouver (Canada) e il suo lavoro è stato pubblicato su molti giornali e attualmente è esposto in famose gallerie d’arte di New York, Spagna e Londra.

Ciao Agent X! Come sei arrivato all’arte?

Innanzitutto, grazie mille, amo la rivista! Sono arrivato all’arte quando frequentavo le superiori. Volevo diventare un filmmaker e da allora ho sempre avuto un approccio visivo. Tutti i miei amici facevano rap, producevano musica e cose del genere, così ho preso il meglio da entrambi i mondi. Di solito, facevo grandi collage quando frequentavo il college, e dopo mi sono trasferito da Atlanta a Vancouver e sono andato all’istituto d’arte, da allora l’ho presa molto più sul serio. Ho iniziato a iscrivere i miei lavori a dei contest e sono arrivato in semifinale alla New York Art Marathon. Dopo, come dice French Montana, è tutto un andare! 

E il tuo nickname? Che significato ha?

Il mio nome, Agent X, significa che sono un agente dell’ignoto. Non faccio mai due volte la stessa opera d’arte, che è un mistero, vuol dire anche che sono sempre in missione, per creare. Un agente dev’essere sempre qualcun altro, questa è la ragione per cui faccio sempre qualcosa di nuovo. L’avventura.

Hai scritto sul tuo sito che il tuo lavoro è influenzato dalla cultura pop, dagli anni ’20 al presente. Chi ti ha influenzato maggiormente e perché?

Hmmm beh direi che più di tutti amo Romare Bearden, Giacomo Balla, Andy Warhol, Bansky, Takashi Murakami, Dondi, Antonio Sant’Elia, Jacques Villegle, Damien Hirst e Syd Mead. Gran parte di questi artisti evoca un senso di testimonianza sociale, maestria unica, Futurismo e spirito commerciale. Puoi vedere tutte le loro influenze nelle mie opere. Poi la cultura pop nella musica, notizie e film allo stesso modo. Sono influenzato da tutta l’energia e il pensiero.

Internet ha cambiato l’atteggiamento delle persone verso l’arte? E il tuo?

Penso che internet è tutto nelle mani dei consumatori, o dovrei dire nel loro click. Proprio come l’industria musicale, gli artisti di questi tempi hanno più controllo nei confronti delle proprie opere d’arte e del modo in cui sono vendute. Guarda l’affare che ha fatto Jay Z con la Samsung. Devi guardare avanti. La relazione in futuro e ora è migliore per l’artista. Penso ancora che sia molto figo visitare una galleria d’arte, ma la galleria stessa dev’essere figa.

Come descriveresti il tuo modo di lavorare? Lo pianifichi?

Beh, il mio modo di lavorare consiste per lo più in: un sacco di musica e tempo. Anche il lavoro più semplice. Di solito ho tonnellate di riviste e vernice, e parto proprio da là. Dipende anche da come mi sento e che messaggio voglio che passi o no. Faccio pezzi come “Golden Girlz” o “Ice Cream”, dal momento che sono il mio genere di lavori alla Norman Rockwell, o qualcosa del tipo “2320” con una sim card, lana d’acciaio, un lettore di memory card, portachiavi, acquerelli, olio e ritagli di giornale. Non faccio mai due volte la stessa cosa. Sempre spontaneo, una realizzazione estrema.

Sei afro-americano e canadese. Come incide questo sul tuo lavoro?

Sono cresciuto a Louisville, K. Y., Vancouver, New Haven e Atlanta. Il lato afro-americano del mio lavoro è avventuroso e tradizionale. Il lato canadese è molto futuristico e multiculturale, proprio come il Canada. Anche nel futuro mi vedo dedicarmi a temi  più naturali, cosa che è allo stesso modo molto canadese. Influisce sul mio lavoro sempre, perché sto pensando a queste culture nella società, e la tecnologia che ci tiene insieme, o che ci divide.

Cosa vuoi comunicare attraverso la tua arte?

Per lo più il Futurismo e la Pop Art con il pensiero. Amo il mezzo del collage perché posso fare quel che voglio e di qualsiasi argomento. Cerco di realizzare tematiche che sono senza tempo e non abusate. Mi piace la roba fresca. Amo anche comunicare un alto livello di abilità nell’opera d’arte.

Cosa puoi suggerire a un giovane artista?

Assicurati solo di studiare il più grande artista e sviluppa anche il tuo stile artistico personale. Di questi tempi non è così semplice seguire soltanto qualcosa che è popolare, ma per me è il miglior artista che traccia il suo percorso. Suggerisco anche di fare tantissimi lavori, perché a volte anche il vecchio è nuovo e il nuovo è vecchio.

Ti interessano altre forme d’arte oltre il collage?

Sì, amo la musica. Tutti i miei amici facevano musica. Rap, produzione, DJ, spoken word. Se non facevi qualcosa non eri nessuno. Quand’ero adolescente vivevo nella zona di New Haven, vicino l’Università di Yale. Ero sempre nella condizione di vedere le migliori opere d’arte e conferenze gratuite di teoria dell’arte e del cinema, che erano le mie materie quando andavo alle superiori. Così mi piacerebbe anche realizzare dei film.

C’è un tuo lavoro, chiamato “Stelle d’Italia”. Sono italiana e sono stata colpita da quel nome. Che significa quel lavoro?

“Stelle d’Italia” è la traduzione di “Star of Italy”. Se vedi i colori nell’opera, sono bianco, rosso e verde. Il pezzo è anche astratto, che è un tributo ai pittori astratti italiani. Ho molti amici italiani, della zona di cui sono originario, New Haven/Hamden in America. Dunque sono stato influenzato da loro e dalla cultura italiana, crescendo.

So che non è una domanda facile… qual è il tuo lavoro preferito e perché?

Beh, hai ragione, non è una domanda facile, ma credo che la mia opera preferita sia “KingZ”, perché ha tracce di ogni genere di collage che uso. L’opera ha tracce del Futurismo, storia, Astrattismo, Pop Art e musica, che sono tutte cose che amo. 

Quali sono i tuoi piani per lavori futuri?

Beh, ho iniziato da poco a esporre le mie stampe esclusive e opere originali presso la New Blood Art Gallery di Londra e sarò presente alla prossima mostra collettiva alla SoHo Gallery for Digital Art di New York a agosto. Infine, sto organizzando una mostra personale l’anno prossimo in Spagna, alla Can-Pop gallery. Spero che avrò anche l’occasione di trovare una galleria in Italia e di esporre il mio lavoro. Grazie mille!

Comments
One Response to “Showcase: Agent X”
Trackbacks
Check out what others are saying...
  1. […] name ‘Agent X’? He explains his chosen pseudonym in an interview with Italian magazine, Fluster: “Agent X means that I am an agent of the unknown. I never make the same artwork twice which is a […]



Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: