Showcase: Sandra Torralba

Sandra Torralba is an acclaimed Spanish photographer with a degree in Social Work  and Psychology and a MSc in Therapeutic Counselling. After working for four years within acute mental health units, forensic rehabilitation settings and with individuals with severe psychosocial needs her life took a different path. “I did not truly decide to stop being a therapist, I decided to allow myself be a photographer. And it took everything over. These days I feel most contained and happy.”
Interview by Alberto Bogo
Translation by Sidsel Tilotte
[Traduzione in Italiano in basso]
Estranged-Sex_12
How would you describe the the artist Sandra Torralba?

There isn´t much of a difference between the “artist” and the real person but there is definately a difference between the character I play in my own work and who I really am. This is my work might well be personal but it is not autobiographic.
Personally I am somewhat like many others, I am very analytic and sensitive which can be a burden frequently, I love dark humour, and I am extroverted and nervous.

Incubus


Some of your photos are about  “sleep and dream,” what is your relationship with these two aspects of life? Which aspect did you want to explore?

For some reason I have been forever interested in dreams and nightmares. It feels like I have always written them down and I have dreams and drawings from when I was 7, 10 and I was pretty systematic. I used to have nightmares all the time, and perhaps that is what made dreaming even more important, because they were almost never happy dreams. Then as I trained in psychotherapy and as I went for analysis myself, dreams remained important, as tools that would talk to me about what was going on inside that I could not grasp consciously. I ended up doing my MSc dissertation in what I called “countertransference dreams”, and it was about how could a therapist use its own dreams in relation to the client to the clients benefit, so once more I would be recording and analyzing dreams.

Dreams, fantasies, inform me that all that goes in my head and so I use them to inspire my images. 

Estranged-Sex_05

Some of your  photos address a particular view about sex, can you tell us something about it?

I am not sure if they present a particular view of sex or they´d rather address sexual matters in a particular way that is detached, strange, quotidian yet unusual. I try my best not to biase the observer, not to convey any judgment on any direction, but more to present a fact or an action, a reality amongst many realities. Only the way of doing so is weird.

Nowdays, with internet there is barely anything left to see, everything is done and its done by thousands, which does not imply there is any critical thinking beneath. When you become used to something you just don’t stop to think about it.

I choose to present my images the way I do to provoke this situation where you have to look again because there is something quite not right in them, it seemed like something you had seen before but there is something that does not work, and then a dialogue begins where the image topic can be discussed and re- adressed.

Experimental-Photography (7)

What is your relationship with pornography? Over all, does pornography still exist? (In relation to today`s society which tends to confuse what is pornographic and what is erotic and easily mixes the different aspects of sexuality)

I find pornography very interesting. Aside my personal preferences what I mean is that pornography is a vast and ever growing arena that can challenge your mind almost daily. From the 70´s porn to what can be easily found now days in any porn website its almost difficult to adapt. You find such an endless list of very strange behaviours and I use my images to reflect upon it, trying to understand what is that we are doing, where are we going with all of it.
But pornography is only one aspect of human beings sexuality. Human sexuality relates to gender, identity, physicality, emotions, cognition and I try to reflect this too in my work.

Downfall


What is your relationship with  “provocation”/”defiance”? Do you consider yourself a provocative artist? In your opinion, is it still possibile to artistically provoke, disobey in order to “wake up sleepy minds”?

Some people believe I am provocative, some people believe it is impossible to provoke anymore. I think we can still provoke a reaction on each other. Saying so I don´t feel I am all that interested in provocation per se, but what I want to do is to speak about the unespoken, about what goes underneath or is hidden and still remains pervasive to our lives, always operating on them at some level. 

It is true that I have never liked obedience too much and perhaps many of my artistic decisions disobey various rules but I would not consider this to be my motto.

 Estranged-Sex_08

Estranged-Sex_03You are often portraited in your own photos. Is it more difficult to stay in front of or behind the camera?  What is your artistic and personal relationship with your body?

Being behind or in front of the camera its simply a different experience.
When I portray myself it is frequently a more raw, honest, bold, personal and intimate experience, also a more complicated one. Frequently I shoot my pictures completely by myself and lately I even find the presence of others intrusive and annoying. Only when I need people I use people and all the latest works from experimental photography, downfall of the dream, essay on fear, I have shot them completely by myself.
Then some other series and works require people in front of and behind the camera, like for Estranged Sex that have become large productions with 12- 15 people involved. Although I am still acting on them, and when it comes to posing I feel embarrassment I appreciate the work that everyone does in helping me out.
And finally there is when I shoot others, then I am more relaxed and its definitely easier, because I can be more emotionally detached and also because I can see everything (whereas when I pose, I need to go back and forth to see what I shot).
So there are two aspects to take into account about being in front of the camera or behind, one is emotional and the other one is technical, and being in the pictures is always more difficult, but it has its advantages: I can fully be myself, free from embarrassment, free from judgments, free from boundaries, fully free, and i can do it any time because I only have to count on myself.
In regards to my relationship with my body, I have my issues like everyone, but I use them to create something out of them.
Also i like to think that I am a body and when my body is gone, I will be gone so I dont believe in the dichotomy soul vs body that demeans the body, without a body we simply aren´t. So i like my body for allowing me to do things.

Estranged-Sex_17


Who is your inspiration in  photography?

I have many photography idols, from Gregory Crewdson obviously to Erwin Olaf, Nathalie Daoust, and many others.

Estranged-Sex_18

 

Answer to the question  you would never want to answer?

Any question I don’t know the answer to and I should!
There are many questions I would not want to answer, eg. if I was asked about my private or intimate life. I mean I can address some aspects, but as I said, I am not doing an autobiography and I like my private life to remain private.
 Then there is one question that pops out in every workshop, conference, opening that I don’t want to carry on answering: if I am the author of my work when I use a photography assistant to help me shooting…It is beginning to be somewhat annoying to explain every time and it often puzzles me the enthusiasm some people seem to have in harvesting value from people´s work or successes.

Los malos (1)

( Images © Sandra Torralba)

More of Sandra’s work here

***Italiano***

Come descriveresti l’artista Sandra Torralba?

Non c’è molta differenza tra l”artista” e la persona reale, ma c’è sicuramente una differenza tra il personaggio che impersono nel mio lavoro e chi sono davvero. Questo mio lavoro può anche essere personale ma sicuramente non è autobiografico.

Personalmente, sono un po’ come molti altri, sono molto analitica e sensibile, il che può spesso diventare un problema, amo lo humor nero e sono estroversa e nervosa.

 

Alcune delle tue foto riguardano “il sonno e il sognare”, qual è la tua relazione con questi due aspetti della vita? Quale aspetto vuoi esplorare? 

Per qualche ragione sono sempre stata attratta dai sogni e dagli incubi. E’ come se li avessi sempre trascritti e ho sogni e disegni che ho fatto a 7, 10 anni, ed ero piuttosto sistematica. Avevo sempre gli incubi, e forse è quello che ha reso il sognare ancora più importante per me, perché non erano quasi mai sogni felici. Poi, avendo studiato psicoterapia ed essendo andata in analisi io stessa, i sogni sono rimasti importanti, come indizio per suggerirmi ciò che stava succedendo dentro di me, le cose che non potevo capire coscientemente. Mi sono ritrovata a fare la mia dissertazione finale su quelli che vengono chiamati “sogni di contro-transfert”, e riguardava come possa un terapista utilizzare i propri sogni in relazione al paziente e a beneficio del paziente, così mi sono trovata più di una volta a registrare ed analizzare i sogni.

I sogni, le fantasie, mi informano di ciò che succede nella mia testa, e quindi li utilizzo come ispirazione per le mie immagini.

 

Alcune delle tue fotografie affrontano una particolare visione del sesso, ci puoi dire qualcosa al riguardo?

Non sono sicura che rappresentino una particolare visione del sesso o se piuttosto non rappresentino tematiche sessuali in un un modo particolare che è distaccato, strano, quotidiano eppure insolito. Faccio del mio meglio per non compiacere l’osservatore, per non trasmettere giudizi o indicazioni, ma più per presentare un fatto o un’azione, una realtà tra tante realtà. Solo il modo in cui lo faccio è strano.

Oggi, con internet è rimasto davvero poco da vedere, tutto è già stato fatto ed è stato fatto da migliaia di persone, ma lo dico senza alcun intento critico. Quando ti abitui a qualcosa smetti semplicemente di pensarci.

Ho scelto di presentare le mie immagini nel modo in cui lo faccio per provocare questa situazione in cui devi fermarti a riguardarle perché c’è qualcosa che non va in loro, come qualcosa che hai già visto prima ma con qualcosa che stona, e poi inizia un dialogo dove l’argomento dell’immagine può essere discusso e ri-affrontato.

 

Qual è la tua relazione con la pornografia? In generale, esiste ancora la pornografia? (In relazione alla società odierna che tende a confondere ciò che è pornografico con ciò che è erotico e facilmente mescola i diversi aspetti della sessualità)

Trovo la pornografia molto interessante. Oltre alle mie personali preferenze, intendo dire che la pornografia è una vasta arena che continua a svilupparsi come una sfida quasi ogni giorno. Dal porno degli anni ’70 a ciò che può facilmente essere reperito al giorno d’oggi in qualsiasi sito porno è difficile adattarsi. Si trova una lista infinita di comportamenti davvero strani, e io utilizzo le mie immagini per riflettere proprio su questo, nel tentativo di comprendere che cosa stiamo facendo, cosa ce ne faremo di tutto questo.

Ma la pornografia è solo un aspetto della sessualità umana. La sessualità umana è legata ai sessi, all’identità, alla fisicità, alle emozioni, alla cognizione, e io cerco di riflettere anche su questo attraverso il mio lavoro.

 

Qual è il tuo rapporto con la “provocazione”/la “sconfitta”? Ti consideri un artista provocatore? Secondo te, è ancora possibile provocare artisticamente, disobbedire per “svegliare le coscienze dormienti”?

Certa gente crede che io sia una provocatrice, altri credono che ormai sia impossibile provocare. Io credo sia ancora possibile provocare una reazione l’uno nell’altro. Detto questo non mi sento poi così interessata alla provocazione di per sé, ma ciò che voglio è parlare di ciò di cui non si parla, di ciò che succede al di sotto o di ciò che è nascosto e che ancora rimane pervasivo per le nostre vite, pur operando su di esse ad un qualche livello.

E’ vero che non mi è mai piaciuta troppo l’obbedienza, e forse molte delle mie decisioni artistiche disobbediscono a varie regole, ma non considererei questa la mia bandiera.

 

Sei spesso ritratta nelle tue fotografie. E’ più difficile stare davanti o dietro alla macchina fotografica? Qual è la tua relazione artistica e personale con il tuo corpo?

Essere dietro o davanti alla macchina è solo un’esperienza diversa. Quando ritraggo me stesso è spesso un’esperienza più cruda, onesta, più audace, più intima e più personale, ed è anche più complicata. Spesso scatto le mie fotografie completamente da sola, e ultimamente sento la presenza di altre persone come invadente e fastidiosa. Solo quando mi servono le persone le utilizzo, e tutti gli ultimi lavori, dalla fotografia sperimentale, la caduta dei sogni, il saggio sulla paura, li ho realizzati completamente da sola.

Poi ci sono altre serie e lavori che richiedono delle persone davanti all’obiettivo e dietro, come per Estranged Sex, che è diventata una larga produzione con 12-15 persone coinvolte. Anche se continuo ad avere una parte in queste, e quando viene il momento di posare mi sento imbarazzata, apprezzo il lavoro che tutti fanno per aiutarmi. E infine c’è quando ritraggo gli altri, allora sono più rilassata e è decisamente più facile, perché posso essere più distaccata emotivamente, e anche perché posso vedere ogni cosa (mentre quando poso devo andare avanti e indietro per vedere cosa ha scattato).

Ci sono dunque due aspetti di cui tenere conto riguardo all’essere davanti o dietro alla macchina fotografica, uno è emozionale e l’altro è tecnico, ed essere nelle fotografie è sempre più difficile, ma ha anche i suoi vantaggi: posso essere completamente me stessa, libera dall’imbarazzo, libera dai giudizi, libera da costrizioni, completamente libera, e posso farlo in qualsiasi momento perché devo contare solo su me stessa.

Riguardo al rapporto con il mio corpo, ho i miei problemi come tutti, ma li uso per creare qualcosa. Inoltre, mi piace credere di essere un corpo e che quando il mio corpo non ci sarà più, io non ci sarò più, quindi non credo nella dicotomia anima vs corpo che sminuisce il corpo, senza il corpo noi semplicemente non esisteremmo. Quindi mi piace il mio corpo perché mi permette di fare delle cose.

 

Chi è la tua fonte di ispirazione/riferimento in fotografia (o in qualsiasi altra area dell’arte)?

Ho diversi idoli in fotografia, da Gregory Crewdson ovviamente a Erwin Olaf, Nathalie Daoust, e molti altri.

 

Rispondi alla domanda che vorresti non ti fosse mai posta?

Qualsiasi domanda di cui non sappia la risposta anche se dovrei saperla!”

Comments
7 Responses to “Showcase: Sandra Torralba”
  1. karmami says:

    Disturbing to say the least. ..and more than just borderline at crossing the line of a true health care professional…art is one thing but there is also another issue at hand….ethical versus unethical and this is in line with exactly that…unethical ….

    • Hi Karmami
      thanks for your comment, we value your opinion.
      I`d like to invite you to read the artist`s statement regarding her series “extranged sex” on her website: http://www.sandratorralba.com/
      Hope this can help to clarify the ethics of her work.

      • karmami says:

        Thank you..however my previous statement speaks for itself. I have gone so far to share this work with some of my colleagues and I believe that this would be like a priest turning to art photography to showcase naked boys posing suggestively for the camera. ..definitely in poor taste and questionable ethics..

  2. Facebook censored our FB page deleting the post regarding this interview. Please SUPPORT us, “LIKE” and “SHARE” https://www.facebook.com/flustermagazine

    It is worrying to realise a diffuse unability to distinguish between art and pornography… while these days the levels of information keep improving the means to understand it keep decreasing…

  3. John Seven says:

    She’s an interesting artist partly because she offers us, by example, the opportunity to consider often culturally controversial functions as though we are individual intelligent adults.

  4. Queste foto sono molto provocanti, però fatte con stile! Complimenti!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: