Showcase: Submerged Art by Hortense Le Calvez and Mathieu Goussin

Mathieu Goussin and Hortense Le Calvez form an artist duo dedicated to creating submerged art installation. They live and work on their 40 years old sailing boat in the Mediterranean.  Mathieu Goussin before taking part in this adventure worked ten year in the merchant navy laying fiber optic cable. Hortense studied fine art at the Rietveld Academy of Amsterdam and Wimbledon College of Art of London. She is also a scuba diving instructor. 

[Traduzione in italiano in basso]

Interviewed by Chiara Costantino

On Display, 2012

Hi Hortense! Forlane 6 is not only where you and your partner Mathieu Goussin realize your works, but also where you live: what is it and why did you make this choice?

 Forlane 6 is the name of our 40 years old sailing boat we live on in the Mediterranean. We are currently based in Crete for the winter. It is from our sailing together that came the idea to work underwater. This is why we named our studio Forlane 6. Living on the boat to find places to work underwater is ideal, it gives us some much possibilities.

Rush, 2013

What are “submerged art installations” and where did you get the idea?

 The idea came from our discussion regarding all the random things we would see at the bottom of the sea such as plastic bags, old boots or dishes. We talked about what these objects would become and how they would eventually be a part of this underwater environment. At one point we decided to bring these thoughts to life. The Mediterranean is a very clear sea, with stunning rock formations and very little sea life, it was a perfect spot to install these imaginary creatures.

White Shirt, 2012

On your site you wrote that your work is inspired by Roman Signer and Susanna Majuri, by sculpture and photography. Why?

 Since the beginning of my studies I have always been mesmerized by the action sculpture concept of Roman Signer. I believe his work can speak to anyone on very different levels. Our work is inspired by his ephemeral works and the use of domestic objects activated by natural elements such as air or water. We also like the absurdity of his pieces that always bring a very humourous touch. The work of Susanna Majuri was a more recent find. We are interested in the fact she stages her work to really create a world of her own using photography.

Posidonia, white table, 2012

 How do you use different media?

 Our work is a mix of sculptures, installation and photography. We very much enjoy this freedom of using a variety of ideas and materials to bring our concept across.

Take Off, 2013

 There are some drawings on your site too. Tell us something about them.

 Drawing is something I have done since a very young age and it is still a moment of total freedom to me. I like to see these works as a necessary space of fantasy where I can let go of the conceptual and technical considerations. Most of time the sculptures will come from the drawings, but it also happens that I draw from work we previously did in order to step back and reflect from what was previously done.

Posidonia, Green Chair, 2012

I was struck with your “Air Spray”. How did you create that bubble effect?

 The air pumped into the sculpture comes from Mathieu’s air tank that he uses while diving. The air pressure is regulated and let into a hose, which goes into the metal structure. That is when the shower’s head activate and rise in the water.

Air Spray, 2013

 Which is the role of photomanipulation in your art?

 We use the raw format to shoot, which enable us to correct the white balance or exposure when the visibility underwater wasn’t crystal clear. Occasionally when we decide the image needs it, we remove some backscatter. However the sculptures are what they are and we do not alter the image on that level.

Posidonia, brown bowl, 2013

 You wrote that “objects seems to metamorphose and become organic creatures”. In fact “Blueberry Shake” has nothing to do with blueberries or something eatable but with a new generation of creatures: plastic glasses brought to life. Why?

 Blueberry Shake is made from an accumulation of plastic to-go cups surrounding LED lights. It is a representation of the left overs surrounding the typical natural healthy fruit shake. When we make the work it looks just like a pile of garbage but when submerged the structure underwater appears in a snake like shape. This is what we mean when we say the work seems to metamorphose in organic creatures. The shape of the work will be determined when placed underwater. This is when the sea becomes in control of the work and we are just capturing this moment with photography.

Blueberry Shake, 2013

Is there no place left for humans in your art? 🙂

If you look at the current underwater imagery most of its artistic side reside in human representation like in fashion or even with the underwater sculpture park of Jason DeCaires. Our works aims to imagine what will be left of human activity rather then the people themselves. It is always so disturbing to think of the fact that a random plastic bag used for half a day will last more then 10 time longer than an average human life. To compare the time the object served its function to the time it takes to disintegrate is astounding. Humans are surrounded by an endless variety of mass produced objects. We are not doing this work from a particular political engagement; we are just trying to replace these objects in the context where they spend most of there existence.

Laundry drying in the currents of Naoussa, 2012

 An interesting section of your site is “Making of”: why do you let other people see how you work?

 Our work is the outcome of an exchange and is not about personal introspection. Therefore we think our process and lifestyle is also a part of the work and we believe it is worth sharing. We are open to suggestions and collaborations so we don’t want our work to be obscure or unnecessarily mysterious. Furthermore, we enjoy seeing how other people’s work is made so why not do it ourselves.

Blow Dry, 2013

 What are your goals as an artist?

 As an artist I guess we would like to participate to the idea that freedom is essential and that imagination is the heart of freedom. It might sound cheesy but we do believe that dreams are a necessary driving force.

Hangover, 2013

Tell us something about your upcoming projects.

 We are making more works including lights and movements. Mathieu is building his own ROV (remote operated vehicle), and with this idea in mind we would like to make a series of autonomous sculptures with propellers that could be controlled by iPad to exhibit them in aquariums. We also would love to find an old shipwreck where we could build a large light and sound installation for divers. These are currently dreams but we hope that if we find the right venues and collaborators it could happen!

(Images © Hortense Le Calvez and Mathieu Goussin)

More of Hortense Le Calvez and Mathieu Goussin’s work here

**Italian Translation**

by Chiara Costantino
 
Mathieu Goussin e Hortense Le Calvez formano un duo artistico che si dedica a creare installazioni d’arte sommersa. Vivono e lavorano sulla loro vecchia barca nel Mediterraneo. Prima di prendere parte a quest’avventura, Mathieu Goussin ha lavorato per dieci anni nella marina mercantile stendendo cavi di fibra ottica. Hortense ha studiato belle arti allaRietveld Academy di Amsterdam e al Wimbledon College of Art di London. E’ anche istruttrice di immersioni.  

Forlane 6 è non solo il luogo dove tu e il tuo compagno Mathieu Goussin realizzate I vostri lavori, ma anche dove vivete: cos’è e perché avete fatto questa scelta?

Forlane 6 è il nome della nostra barca vecchia di 40 anni, su cui viviamo nel Mediterraneo. Al momento siamo ormeggiati a Creta per l’inverno. E’ stato dal nostro navigare insieme che è nata l’idea di lavorare sott’acqua. Per questo abbiamo chiamato il nostro atelier Forlane 6. Vivere su una barca per andare alla scoperta di posti dove lavorare sott’acqua è ideale, ci fornisce molte più possibilità. 

Cosa sono le “installazioni d’arte sommersa” e da dove avete preso l’idea?

L’idea è nata da una nostra conversazione su tutte le cose varie che avremmo visto in fondo al mare come buste di plastica, vecchi stivali o piatti. Abbiamo parlato di come questi oggetti sarebbero diventati e come sarebbero probabilmente diventati parte di questo ambiente sott’acqua. A un certo punto, abbiamo deciso di dar vita a questi pensieri. Il Mediterraneo è un mare molto limpido, con incredibili formazioni rocciose e molta poca vita marina, era un luogo perfetto per collocare queste creature immaginarie. 

Sul vostro sito avete scritto che il vostro lavoro è ispirato da Roman Signer e Susanna Majuri, da scultura e fotografia. Perché?

Dall’inizio dei miei studi, sono sempre stata ipnotizzata dal concetto di scultura in azione di Roman Signer. Credo che il suo lavoro possa parlare a chiunque su livelli molto diversi. Il nostro lavoro è inspirato dalle sue opere fugaci e l’uso di oggetti domestici attivato da elementi naturali come aria o acqua. Ci piace anche l’assurdità dei suoi pezzi, che portano sempre un tocco molto ironico. Il lavoro di Susanna Majuri è stato una scoperta più recente. Siamo interessati al fatto che metta in scena il suo lavoro per creare sul serio un mondo suo, usando la fotografia. 

In che modo usate media diversi?

Il nostro lavoro è un misto di sculture, installazioni e fotografia. Ci piace molto questa libertà di usare una gamma di idee e materiali per esprimere ciò che abbiamo dentro. 

Ci sono anche alcuni disegni sul vostro sito. Parlacene un po’.

Disegnare è qualcosa che ho fatto da quando ero molto giovane ed è ancora un momento di libertà totale per me. Mi piace vedere questi lavori come uno spazio necessario di fantasia, dove posso spogliarmi delle considerazioni concettuali e tecniche. Il più delle volte, le sculture derivano dai disegni, ma succede anche che tragga dei disegni da lavori che abbiamo fatto in precedenza, in modo da fare un passo indietro e riflettere rispetto ciò che è stato fatto prima. 

Sono rimasta colpita dal vostro “Air Spray”. Come avete creato quell’effetto con le bolle?

L’aria pompata nella scultura viene dalla bombola d’aria di Mathieu, che usa mentre fa immersioni. La pressione dell’aria è regolata e rilasciata dentro un tubo per annaffiare, che sfocia nella struttura di metallo. Così la pigna della doccia viene attivata e sgorga l’acqua. 

Qual è il ruolo della fotomanipolazione nella tua arte?

Scattiamo in formato raw, che ci consente di corregge il bilanciamento del bianco o l’esposizione quando la visibilità sott’acqua non era limpida e cristallina. A volte, quando decidiamo che l’immagine ne ha bisogno, rimuoviamo alcune radiazioni di ritorno. Comunque, le sculture sono ciò che sono e non alteriamo l’immagine da quel punto di vista. 

Hai scritto che “gli oggetti sembrano avere una metamorfosi e diventare creature organiche”. In effetti “Blueberry Shake” non ha nulla a che fare con I mirtilli o con qualcosa di commestibile, ma con una nuova generazione di creature: bicchieri di plastica che diventano vivi. Perché?

Blueberry Shake è fatto di una raccolta di tazze di plastica da asporto, circondate da luci LED. E’ una rappresentazione degli avanzi che circondano il classico, naturale e sano frappe di frutta. Quando facciamo il lavoro sembra giusto un cumulo di spazzatura, ma quando immergiamo la struttura sott’acqua, appare in una forma simile a quella di un serpente. Questo è ciò che intendiamo quando diciamo che il lavoro sembra trasformarsi in creature organiche. La forma del lavoro sarà definita quando sarà piazzato sott’acqua. Questo accade quando il mare prende il controllo del lavoro e noi stiamo semplicemente immortalando questo momento con la fotografia. 

Non è rimasto spazio per gli esseri umani nella vostra arte? 🙂

Se guardi all’attuale immaginario sott’acqua, la maggior parte del suo lato artistico consiste nella rappresentazione umana, come nella moda o persino con il parco di scultura acquatica di Jason DeCaires. Il nostro lavoro punta a immaginare cosa resterà dell’attività dell’uomo, piuttosto che le persone stesse. E’ sempre così allarmante pensare al fatto che una qualsiasi busta di plastica, usata per mezza giornata, durerà più che dieci volte tanto rispetto a una vita umana media. Fare un paragone tra il tempo che l’oggetto ha servito alla sua funzione e il tempo che ci vuole a degradarsi, lascia senza fiato. Gli esseri umani sono circondati da una varietà infinita di oggetti di produzione di massa. Non stiamo facendo questo lavoro per un particolare coinvolgimento politico: stiamo solo provando a rimpiazzare questi oggetti nel contesto in cui trascorrono la maggior parte della loro esistenza. 

Una sezione interessante del vostro sito è “Making of”:  perché lasciate che altre persone vedano come lavorate?

Il nostro lavoro è il risultato di uno scambio e non riguarda l’introspezione personale. Perciò pensiamo che il nostro processo e stile di vita sia anche una parte del lavoro e riteniamo che valga la pena condividerli. Siamo aperti ai consigli e alle collaborazioni, per cui non vogliamo che il nostro lavoro sia nascosto o misterioso senza motivo. Inoltre, ci piace vedere com’è fatto il lavoro degli altri, dunque perché non mostrare anche noi il nostro. 

Quali sono i vostri obiettivi come artisti?

Come artista, penso che ci piacerebbe partecipare all’idea che la libertà sia essenziale e che l’immaginazione sia il cuore della libertà. Potrebbe suonare banale, ma pensiamo che I sogni siano una forza trainante imprescindibile. Dicci qualcosa riguardo I vostri prossimi progetti. Stiamo facendo più lavori sulle luci e I movimenti. Mathieu sta costruendo il suo ROV (veicolo comandato a distanza), e con questa idea in mente ci piacerebbe realizzare una serie di sculture autonome con eliche che potrebbero essere controllate tramite iPad per esporle negli acquari. Ci piacerebbe anche trovare un vecchio relitto di nave, dove poter costruire una grande installazione di luci e suoni per subacquei. Al momento questi sono sogni, ma speriamo di trovare le giuste sedi e collaboratori per realizzarli! 

Comments
2 Responses to “Showcase: Submerged Art by Hortense Le Calvez and Mathieu Goussin”
  1. Very interesting, different, creative, and thought provoking.
    Great colors, shadings, fades, and lighting.
    Dramatic and dynamic. Randy

  2. homepage says:

    My partner and I stumbled over here by a different web page and thought I might check things out.
    I like what I see so now i’m following you. Look forward
    to looking into your web page repeatedly.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: