Reportage: 100 Abandoned Houses

Kevin Bauman was born in 1972 in metropolitan Detroit, Michigan. Raised by an artist and an architect, he was introduced to art and creativity at an early age. In 1996 he discovered photography, and have been working in the medium ever since. He has worked in the traditional darkroom in both black and white, and color, as well as digitally. Currently his personal projects are done primarily with an old Hasselblad using color negative film, which is then scanned, and printed out using inkjet or LightJet style printers.

His current projects include 100 Abandoned Houses, focusing on abandoned houses in Detroit, Michigan, and Detroit’s Small Churches, a series on the adaptive reuse of small structures as small churches. Other photographic topics include industrial Detroit, and Detroit night scenes. Much of his work has focused on his former hometown of Detroit. His interest in Detroit developed early as a basic curiosity of the economic on social hardships the city has faced for decades. In an attempt to understand the state of the city, he has continued to photograph the area as its economic decline has accelerated.

 
Text and photos by Kevin Bauman
 

[scroll down for italian translation]

 
12262007_0086_xl
 

 The abandoned houses project began innocently enough a little over ten years ago. I actually began photographing abandonment in Detroit in the mid 90’s as a creative outlet, and as a way of satisfying my curiosity with the state of my home town. I had always found it to be amazing, depressing, and perplexing that a once great city could find itself in such great distress, all the while surrounded by such affluence.

12260701_09_xl

Brush Park, on the outskirts of Detroit’s entertainment district had always been an area of interest to me. For as long as I can remember, the area, filled with large houses and mansions, sat largely abandoned just a stones throw away from the Fox Theater, and not far from Wayne State University, the Masonic Theater, and even the central business district. How could an area that was, obviously, once a wealthy enclave in the city become an example of the downfall of American cities?

04210601_16_xl

For years the area had signs advertising the redevelopment that was about to take place. Around 2000 it finally began to happen with the construction of the new ballpark for the Tigers, and Ford Field for the Lions. New condos and town homes began to appear amidst the rubble of burned out mansions turned apartments. Some of the houses were so large they became “loft condos”.

04010401_09_XL

As the entertainment district flourished, and Brush Park began to transform into something new, I realized the other approximately 135 square miles of Detroit was largely ignored. The excitement about Detroit’s “rebirth” took center stage, while much of the rest of the city was becoming largely abandoned. Even Brush Park itself was still largely abandoned, but with the remaining tenants of Brush Park buildings being pushed out, and many of the old houses torn down, I moved on to other areas, where Detroiters were attempting to make a life among abandoned and burned out houses.

04010401_05_xl

Often times, the neighborhoods were almost completely abandoned. In those neighborhoods I encountered concerned citizens, packs of wild dogs, 20 foot high piles of toilets, and houses with the facades torn off, filled with garbage.

03150406_12_xl

Often times only one or two houses remain in entire neighborhood blocks. In other areas all of the houses are abandoned, and some of the blocks now resemble prairies more than the neighborhoods they once were.

03150403_06_xl

It is sadly ironic, that a city with such poverty, and a major homeless problem would have so many abandoned houses. It would seem that cheap empty homes could house the poor and  homeless, but the situation is difficult. Some of the houses are foreclosed on by the banks that own the mortgages, while others are abandoned after crime, vandalism, and arson drive the occupants out. 

03150401_13_xl

When the owners decide to get out, selling is often not an option. The houses are often run down and surrounded by others in even worse shape. The houses are often worth less than the amount owed on them, and even if they aren’t, it’s possible nobody will buy them. 

02070803_17_xl

Fixing up houses, and giving them to needy families seems like an obvious solution, but many areas are dangerous, have no grocery stores, and are not patrolled by police. Furthermore maintaining a house in Detroit is not cheap. It’s hot and humid in the summer, and very cold, and often wet, in the winter. Houses, if not maintained, will decay fairly quickly.

02070803_03_xl

Some of the more recently abandoned houses were, in fact, Habitat for Humanity types of low income housing. While the idea of housing the poor and homeless in cheap houses is appealing, it is much more difficult in practice.

02070801_16_xl

Early on, as the number of images grew, and a documentary style emerged, I switched from mostly black and white, to color, and decided to name the series 100 Abandoned Houses. At the time, 100 seemed like a lot, although the number of abandoned houses in Detroit is more like 12,000. Encompassing an area of over 138 square miles, Detroit has enough room to hold the land mass of San Francisco, Boston, and Manhattan Island, yet the population has fallen from close to 2 million citizens, to just over 700,000. With such a dramatic decline, the abandoned house problem is not likely to go away any time soon.

01200602_18_xl

(Images © Kevin Bauman)

More about 100 Abandoned Houses Project here

More about Kevin Bauman’s work here

***Traduzione Italiana***

di Chiara Costantino

Kevin Bauman è nato nel 1972 nella metropoli di Detroit, Michigan. Cresciuto da un artista e da un architetto, è entrato in contatto con l’arte e la creatività fin dall’infanzia. Nel 1996 ha scoperto la fotografia e ha lavorato con questo mezzo da allora. Ha lavorato in camera oscura sia con il bianco e nero che con il colore, e allo stesso modo con il digitale. Al momento, i suoi progetti personali sono realizzati per lo più con una vecchia Hasselblad, usando pellicola negativa a colore, che è poi scannerizzata, e stampata usando stampanti a getto d’inchiostro o modello Lightjet. I suoi progetti attuali includono 100 Abandoned Houses (100 case abbandonate), in cui si focalizza sulle case abbandonate di Detroit, Michigan, e Detroit’s Small Churches (le piccole chiese di Detroit), una serie sul riutilizzo adattivo di piccole strutture come piccole chiese. Altri soggetti fotografici comprendono la Detroit industriale e scene di vita notturna a Detroit. Gran parte del suo lavoro è stato mirato sulla sua vecchia città natale, Detroit. Il suo interesse per Detroit si è sviluppato all’inizio come curiosità di base per le difficoltà economiche e sociali che la città ha affrontato per decenni. Nel tentativo di capire la condizione della città, ha continuato a fotografare la zona man mano che il suo declino economico è avanzato.

Il progetto “abandoned houses” è iniziato in sordina poco più di dieci anni fa. A dire il vero, ho iniziato con il fotografare lo stato di abbandono di Detroit della metà degli anni Novanta come sfogo creativo, e come un modo di soddisfare la mia curiosità riguardo la condizione della mia città natale. Ho sempre pensato che fosse sorprendente, deprimente e sconcertante che una città una volta grande si ritrovasse in una tale condizione di emergenza, tutto mentre era circondata da una tale ricchezza.

Brush Park, alla periferia del distretto del divertimento di Detroit, è sempre stata una zona di grande interesse per me. Per quanto io riesca a ricordare, la zona, piena di grandi case e ville, si trovava in gran parte abbandonata, proprio come una pietra gettata via dal Fox Theater, e non lontano dalla Wayne State University, il Masonic Theater, e persino il distretto centrale degli affari. Come poteva una zona che una volta, ovviamente, era una opulenta enclave, divenire un esempio del tracollo delle città statunitensi?

Per anni la zona ha avuto segnali che indicavano la ricrescita che stava per avvenire. Intorno al 2000, finalmente iniziò a succedere, con la costruzione del nuovo stadio per i Tigers, e Ford Field per i Lions. Nuovi condomini e villette a schiera cominciarono ad apparire in mezzo ai detriti delle ville bruciate e trasformate in appartamenti. Alcune delle case erano così grandi che divennero “condomini loft”. Man mano che il distretto del divertimento prosperava, e Brush Park iniziava a trasformarsi in qualcosa di nuovo, capii che gli altri circa 217 km2 di Detroit venivano per lo più ignorati. L’eccitazione per la “rinascita” di Detroit aveva catturato il centro della scena, mentre larga parte del resto della città era diventato sempre più deserto. Persino lo stesso Brush Park era ancora ampiamente abbandonato, ma con i restanti inquilini dei palazzi di Brush Park buttati fuori, e molte delle vecchie abitazioni buttate giù, mi spostai in altre zone, mentre i cittadini di Detroit cercavano di vivere in mezzo a edifici abbandonati e bruciati. Spesso, i quartieri erano deserti quasi per intero. In quei quartieri incontravo cittadini preoccupati, branchi di cani randagi, cumuli di gabinetti alti sei metri e case con le facciate buttate giù, piene di spazzatura.

Un sacco di volte solo una o due case restavano per interi isolati del quartiere. In altre zone, tutte le case erano state abbandonate e alcuni isolati sembravano praterie più che i quartieri che una volta erano.

E’ tristemente ironico che una città con una tale povertà e un serio problema di senzatetto abbia così tanti edifici abbandonati. Sembrerebbe che case vuote ed economiche potrebbero ospitare i poveri e i senzatetto, ma la situazione è difficile. Alcune case sono state pignorate dalle banche che detenevano le ipoteche, mentre altre sono state abbandonate dopo crimine, vandalismo, e incendio doloso che hanno buttato fuori gli occupanti. Quando i proprietari decidono di andarsene, spesso vendere non è una scelta contemplabile. Le case di solito sono svalutate e circondate da altre ridotte in condizioni se possibile peggiori. Le case spesso sono stimate meno di quel che è stato pagato per acquistarle, e anche se non lo sono, è facile che nessuno voglia comprarle. Sistemare le abitazioni e darle a famiglie bisognose sembra una soluzione scontata, ma molte zone sono pericolose, non hanno negozi di alimentari, e non sono sorvegliate dalla polizia. Inoltre, mantenere una casa a Detroit non è economico. Fa caldo ed è umido in estate, e molto freddo, spesso piovoso, in inverno. Le case, se non sottoposte a una continua manutenzione, si rovinano molto rapidamente. Alcune delle più recentemente abbandonate case erano, in effetti, l’habitat per tipi umani dalle poche entrate. Mentre l’idea di ospitare i poveri e i senzatetto è interessante, nella pratica essa è molto più complicata da realizzare.

Agli inizi, mentre la quantità di immagini cresceva, e veniva fuori uno stile documentaristico, sono passato da foto per lo più in bianco e nero al colore, e ho deciso di chiamare la serie 100 Abandoned Houses. All’epoca, 100 sembravano un sacco, sebbene il numero delle case abbandonate a Detroit sia di circa 12000. Abbracciando una zona di circa 222 km, Detroit ha abbastanza spazio per contenere la popolazione di San Francisco, Boston e dell’isola di Manhattan, nonostante la popolazione sia decresciuta da circa 2 milioni di abitanti a poco sopra i 700000. Con un declino così drammatico, il problema delle case abbandonate non sembra destinato a trovare una soluzione molto presto.

 
Comments
2 Responses to “Reportage: 100 Abandoned Houses”
  1. Is there any hope for Detroit I hope so.

  2. Karina says:

    Although these houses tell sad stories, I find them intriguing and mysterious all the same. Great pictures!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: